Pubblicato: Ven, Luglio 06, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Primo morto nella grotta. Soccorritore finisce l'ossigeno e muore a Tham Luang


Se il rischio sarà minimo, tenteremo. In alcune parti della grotta - che si trova a 600 chilometri circa a nord est della capitale Bangkok - comincia a scarseggiare l'ossigeno. Era inizialmente stata annunciata quattro ore fa, ma è stata rimandata di mezz'ora in mezz'ora. Altri soccorritori stanno scavando alla fine della grotta e sono riusciti ad avanzare di un centinaio di metri. Trasferimento che comunque resta "urgentissimo": "bisogna fare in fretta", è la parola d'ordine che si ripete, tra i soccorritori, davanti all'ingresso della grotta dove in attesa ci sono anche le famiglie disperate che pregano di rivedere presto sani e salvi i loro ragazzi.

I soccorritori hanno posato un tubo lungo cinque chilometri che immette ossigeno nella cavità dove il gruppo è bloccato. Si era unito ai soccorsi nella grotta come volontario, e contribuiva alla fornitura di bombole di ossigeno per i ragazzi e i soccorritori.

More news: F1 Austria, Arrivabene e l’orgoglio Ferrari: "Lasciate guidare Raikkonen"

Il dramma è avvenuto mentre i soccorsi si stanno organizzando per riuscire ad evacuare la dozzina di ragazzi intrappolati, con il loro allenatore, da 13 giorni, in una grotta allagata prima dell'arrivo di nuove precipitazioni. L'uomo, che aveva 37 anni, ha perso conoscenza sulla via del ritorno, e i tentativi di farlo rianimare sono falliti. Non è ancora chiaro se la morte sia dovuta a carenza di ossigeno durante l'immersione o malfunzionamento della bombola.

Ci vogliono 11 ore per compiere il tragitto di andata e ritorno tra l'entrata della grotta Tham Luang e il punto dove i 12 giovani calciatori e il loro allenatore sono bloccati. In particolare, mentre il primo tratto consente ormai di camminare con i piedi nell'acqua, l'ultimo chilometro abbondante viene percorso in circa tre ore. È improbabile che l'intero percorso venga liberato dall'acqua prima del weekend, quando sono previste nuove piogge. Nella speranza di individuare un'entrata alternativa, i soccorritori stanno esplorando il territorio circostante.

Come questo: