Pubblicato: Ven, Luglio 06, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Lega: chiederemo incontro a Mattarella

Lega: chiederemo incontro a Mattarella

O almeno cercare di capire, spiegare, collaborare.

L'udienza si era svolta lo scorso 12 aprile a porte chiuse.

Il legale della Lega, Giovanni Ponti, ha sostenuto che le uniche somme sequestrabili sono quelle trovate sui conti "al momento dell'esecuzione del sequestro" con "conseguente inammissibilità delle richieste del pm di procedere anche al sequestro delle somme "depositande". E tanto per cominciare: "quel presupposto per ottenerli è stato rispettato". Per Bossi, i suoi due figli e Belsito c'è anche l'accusa di appropriazione indebita.

"Per la scelta politica di un giudice ci sono milioni di persone che rischiano di rimanere senza voce". L'appello del processo The Family, tuttavia, è a rischio e la vicenda potrebbe chiudersi con un non luogo a procedere per un difetto di procedibilità legato a una modifica al codice penale entrata in vigore con il governo Gentiloni.

Il messaggio per Matteo Salvini è chiarissimo. "Le sentenze vanno rispettate, senza evocare scenari che sembrano appartenere più alla Seconda Repubblica", aveva detto Bonafede, che però aveva anche poi aggiunto: "Onestamente con tutte le cose importanti a cui sto lavorando, questa è quella che mi interessa di meno".

More news: Juventus, il saluto di Buffon: Non dimenticherò questi 17 anni

Le parole di Bossi sono chiare e non richiedono ulteriori commenti, per un personaggio che non perde mai l'occasione di scagliarsi contro il Sud.

Per ora papà Salvini deve registrare (incassare mai, Salvini non incassa mai colpi) come Mattarella non gli riconosca a lui e alla Lega nessuna immunità elettorale. "In questo senso, ha ragione Salvini che parla di atto politico".

Secondo la Suprema Corte quindi la Guardia di Finanza può bloccare i conti della Lega in forza del decreto di sequestro della Procura di Genova del 4 settembre 2017. Le sentenze ci sono, però, perfino una della Cassazione: perché non assumersi almeno in parte le responsabilità di quegli anni?

"Si tratta di un gravissimo attacco alla democrazia. Rispetto la sentenza, ma c'è un tema di esercizio della democrazia: se tutto fosse applicato alla lettera, stiamo parlando della chiusura di un partito".

Il segretario del Carroccio Matteo Salvini prova a tenere i soldi - quasi cinquanta milioni di euro - che dovrebbe restituire agli italiani come ha ordinato la Cassazione, con un colpo di bacchetta magica: varare la Lega delle Leghe.

Come questo: