Pubblicato: Lun, Luglio 02, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Salvini: "I nostri porti sono e resteranno chiusi"

Salvini:

Il palco è dominato dal colore blu e due slogan principali: 'Il buonsenso al governo' e 'Prima gli italiani'. La maglia più venduta, pezzo forte del merchandising leghista, è quella con il volto del segretario e la scritta: "La pacchia è strafinita". Salvini ha percorso tutto il perimetro del pratone che nel frattempo si sta riempiendo. Il raduno è l'annuale ritrovo politico degli appartenenti alla Lega Nord che da fine 2017 ha rimosso la parola "Nord" dal proprio simbolo, presentandosi solo come Lega. Ma, per farlo, serve un successo elettorale netto. "Le Europee - ha detto Matteo Salvini arrivando e parlando con i cronisti durante un bagno di folla - dell'anno prossimo saranno un referendum fra l'Europa delle élite, delle banche, della finanza, dell'immigrazione e del precariato, e l'Europa dei popoli e del lavoro". Quella è una sua opinione personale.

"I porti per chi traffica esseri umani sono e resteranno chiusi". Salvini ha poi ribadito che è intenzione del Governo rivedere la legge Fornero.

Inevitabile poi un passaggio sull'accordo ottenuto al Vertice Ue sui migranti. Poi scende tra la gente ("perché questa è casa mia"), mentre il suono di una cornamusa ricorda i leghisti che non ci sono più.

More news: Germania eliminata, la nazionale multietnica divide il Paese

"Grazie alla Lega - ha detto in un altro passaggio - l'Europa diventerà una comunità di popoli, non di burocrati". "A noi fanno schifo, li combatteremo con ogni mezzo necessario, prendendo esempio da chi ha combattuto non a parole" dice riferendosi a Rosario Livatino, "morto a 38 anni vittima della mafia, un giudice che non andava in tv, che non aveva fatto milioni di euro con l'antimafia delle parole".

Il primo intervento sul palco del pratone di Pontida è stato di Andrea Crippa, coordinatore dei giovani leghisti. Poi, sollevando lo sguardo al cielo ha aggiunto: "Penso che ce la faremo con la battaglia di quaggiù e col sostegno di chi è lassù". "Oggi -prosegue Salvini- le autorità libiche sono rientrate democraticamente nel pieno controllo del loro territorio e per questo voglio ringraziare gli uomini della guardia costiera libica che, nel silenzio di giornali e tv, hanno soccorso piu di mille disperati che stavano rischiando di annegare riportandoli sul territorio libico". "Con Berlsuconi parliamo di tutti i Comuni e le Regioni dove governiamo insieme". Il "coraggio della Lega contagerà tutti gli altri paesi europei, e le nostre idee arriveranno in Francia, Spagna Portogallo, in Europa", dice tra gli applausi. Era il 2009 quando Checco Zalone, nel film "Cado dalle nubi", interpretando un ingenuo cantante per una vendetta viene mandato ad una festa, di quello che nel film viene chiamato "Partito del Nord" credendo però che si tratti di una festa di emigranti calabresi che celebrano il peperoncino verde e, mentre lui interpreta canzoni meridionali la sala si svuota.

Come questo: