Pubblicato: Dom, Luglio 01, 2018
Tecnologia | Di Ricario Cosma

Apple e Samsung si accordano dopo sette anni di guerra dei brevetti

Apple e Samsung si accordano dopo sette anni di guerra dei brevetti

Si conclude con un patteggiamento "la guerra dei brevetti" tra Apple e Samsung.

Era iniziata nel 2011, ed è finita dopo sette anni di dure e apre battaglie.

Il giudice Lucy Koh, che si è occupata della disputa tra i due colossi fin dagli albori, ha confermato di aver ricevuto da Samsung e Apple la conferma del raggiungimento di un accordo stragiudiziale.

L'eterna lotta Apple vs Samsung sembra sia volta al termine: immaginiamo non potrete crederci, ma le cose stanno proprio come adesso annunciato. Ma poi le cose sono andate avanti ulteriormente e una serie di ricorsi ha spinto la controversia alla Corte Suprema e di nuovo indietro, poiché le aziende hanno continuato a ridiscutere quali brevetti fossero stati violati e, più recentemente, esattamente quanto Samsung dovesse ad Apple a causa dell'infrazione.

Samsung ha rifiutato di commentare l'accordo di oggi, mentre Apple ha ripreso una dichiarazione fatta a maggio: "Crediamo profondamente nel valore del design, e i nostri team lavorano instancabilmente per creare prodotti innovativi che deliziano i nostri clienti", ha scritto Apple.

More news: Calciomercato Roma, affare Alisson: 70 milioni dal Chelsea

"Non sappiamo la grandezza di questi pannelli, non sappiamo quindi se possa trattarsi del futuro iPhone 9 da 6,5" oppure il più piccolo da 5,8".

Il verdetto più recente aveva ridotto l'ammontare totale a 539 milioni di Dollari, che Samsung avrebbe dovuto versare nelle casse di Apple, ma anche in questo caso l'azienda coreana ha presentato ricorso. Una bella differenza, se si pensa che Apple registri da questo segmento ricavi per 29 miliardi di dollari, ben oltre la metà del fatturato. Di conseguenza, lo scontro sembrava essere senza fine.

Dopo ben sette anni di guerra sui brevetti, Apple e Samsung hanno raggiunto un accordo. Una delle varie dispute si era conclusa definitivamente circa un mese fa, con la decisione della Corte federale statunitense di condannare Samsung al pagamento di 533 milioni di dollari.

Ha sempre prevalso grosso riserbo sulla circostanza dall'una e dall'altra parte e anche stavolta non c'è stato nessun commento ufficiale in arrivo dalle aziende. Al momento molti dettagli mancano all'appello.

Come questo: