Pubblicato: Lun, Giugno 25, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Bper, la scalata di Unipol

Bper, la scalata di Unipol

Eppure l'obiettivo di Unipol, che detiene ad oggi il 9,87% di BPER Banca, potrebbe rivelarsi ancor più ambizioso.

Lo dice una nota del gruppo assicurativo in merito agli obiettivi che intende perseguire nel corso dei sei mesi successivo all'acquisto della partecipazioni, da dichiarare secondo le normativa. Il corrispettivo per l'acquisto di queste azioni è pari a 4,72 euro per ciascuna azione, per un esborso complessivo di 73,8 milioni di euro circa.

Unipol ha già dichiarato di aver ha ottenuto le necessarie autorizzazioni e nulla osta da parte della Banca Centrale Europea e delle competenti Autorità di Vigilanza nazionali ad acquisire una partecipazione qualificata, eccedente il 10% del capitale sociale di BPER. "L'operazione si inquadra nella strategia di Unipol quale investitore istituzionale, finalizzata a contribuire ai piani di sviluppo nel medio-lungo periodo della banca", ha spiegato Unipol in una notacitata dall'agenzia Reuters, in cui ricorda anche la partnership pluriennale nella bancassicurazione con Bper.

More news: Saviano risponde a Salvini: "Sei un buffone, ministro della Malavita"

A tal fine, Unipol ha dato mandato a J.P. Morgan Securities plc, Mediobanca - Banca di Credito Finanziario S.p.A. ed Equita SIM S.p.A., quali intermediari autorizzati e joint bookrunners (gli "Intermediari"), di acquistare la Partecipazione Diretta, attraverso una procedura di reverse accelerated bookbuilding (l'"Operazione"), ad un prezzo per azione non superiore ad Euro 4,72 (che incorpora un premio del 6% circa rispetto al prezzo di chiusura dell'azione BPER in data odierna), da avviare immediatamente e che Unipol si riserva di chiudere in qualsiasi momento.

Unipol ha comunque fornito anche delle rassicurazioni agli altri azionisti: "anche a seguito dell'eventuale acquisto dell'ulteriore partecipazione non intende esercitare su Bper il controllo, anche di fatto, e che non intende proporre l'integrazione o la revoca degli organi amministrativi o di controllo della banca".

Come questo: