Pubblicato: Sab, Giugno 23, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Morta Koko, capiva le parole

Morta Koko, capiva le parole

Lo ha annunciato su Facebook e Twitter la Koko and The Gorilla Foundation.

Koko aveva anche adottato e dato un nome ad alcuni animali da compagnia, tra cui un gattino chiamato All Ball.

Oltre ai suoi numerosi amici felini, Koko ha anche conosciuto Robin Williams nel 2001, quando l'attore la visitò alla Gorilla Foundation (California).

Le foto che mostravano la gorilla mentre piangeva alla notizia della morte del suo amico Robin Williams divennero virali in rete, commovendo milioni di persone.

More news: Parigi è pronta ad accogliere i migranti dell'Aquarius

"Mancherà profondamente a tutti", ha scritto la Fondazione.

Roma - È morta a 46 anni la gorilla Koko, famosa in tutto il mondo per la sua capacità di parlare nella lingua dei segni inglese. Si è stimato che sapesse capire circa duemila parole di inglese e sapesse fare mille parole con il linguaggio dei segni; non era però capace di organizzare sintatticamente le parole, cioè di creare frasi.

Nata il 4 luglio 1961 nello zoo di San Francisco, Koko era stata inizialmente chiamata Hanabi-ko, che in giapponese significa "bambino dei fuochi d'artificio", in riferimento alla sua data di compleanno che cadeva il 4 luglio, festa dell'indipendenza americana. La media del QI negli umani è di 100 punti, e la maggior parte delle persone ottengono un risultato che oscilla tra 85 e 115.

In seguito, la dottoressa e il biologo Cohn hanno spostato la gorilla in una nuova riserva per continuare a studiarla, affiancandola a un gorilla nel 1979. Le sue capacità gli sono valse, nel 1978 la copertina del National Geographic, in cui il gorilla veniva raffigurato mentre scattava una fotografia allo specchio.

Come questo: