Pubblicato: Sab, Giugno 23, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Migranti, Toninelli: "Sequestreremo navi ong Lifeline e SeeFuchs"

Migranti, Toninelli:

"La NAVE FUORILEGGE Lifeline (Ong tedesca che usa finta bandiera olandese e mi diede del "fascista") è ora in acque di Malta, col suo carico illegale di 239 immigrati. Basta". "Ci sono Ong che scorrazzano per il Mediterraneo in cerca di migranti", aveva avvertito ieri sera.

Ma dal portale ufficiale dell'Imo, l'Organizzazione marittima internazionale, in uso anche agli operatori specializzati di settore, risulta che l'Olanda ha ragione a metà. "Hanno imbarcato circa 250 naufraghi (clandestini, ndr) senza avere i mezzi tecnici per poter garantire l'incolumità degli stessi naufraghi e dell'equipaggio". "Se ne deduce, continua il sito del giornale, che Lifeline "ha violato gli obblighi" di attenersi alle istruzioni date loro dalle autorità competenti per la ricerca e il soccorso in questo caso, e cioè la Guardia costiera libica o italiana", ha concluso il governo. La richiesta è stata inoltrata ufficialmente a La Valletta dalla Capitaneria di porto italiana, ed è appoggiata dal ministro per le Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli.

More news: Isoardi, su Instagram preghiera Madonna

Toninelli annuncia una indagine da parte della Guardia costiera sulle modalità del salvataggio, e avanza dubbi sulla identità della nave. Non stanno collaborando con la guardia costiera Libica che, dalle prime informazioni acquisite, stava intervenendo per salvare i migranti e riportarli su suolo libico. Lifeline aveva detto di temere si verificasse una situazione simile a quella della nave Aquarius, operata dalla ong SOS Mediterranée, e rimasta per giorni in attesa di un porto in cui fare sbarcare i 629 migranti che aveva a bordo, poi portati a Valencia dopo una crisi diplomatica tra Italia e Malta. Operazione di sua stretta competenza, trattandosi di eventi accaduti in mare libico.

Tuttavia, poche ore fa la Lifeline ha pubblicato sui suoi canali social il documento che proverebbe la registrazione nell'elenco delle navi olandesi. "Vi terrò aggiornati sugli sviluppi, ma di certo - conclude - vi anticipo che il Diritto del mare non permette la navigazione a navi non regolari". Come sottolineato da Il Fatto Quotidiano, il governatore del Piemonte Chiamparino invece ha affermato che la riduzione delle merci sulla Torino-Lione è "dovuta sia al fatto che nell'attuale tunnel passano solo treni che, per lunghezza e dimensione, sono sempre più marginali nel trasporto merci, sia alla rilevante questione di sicurezza: le vie di fuga sono a distanza di 7 km l'una dall'altra, e mancano anche gli impianti di aerazione". Steier ha aggiunto che i migranti sarebbero stati comunque in pericolo se fossero stati trasportati in Libia, dove ci sono centri di detenzioni nei quali vengono spesso violati i diritti umani dei migranti.

Come questo: