Pubblicato: Mer, Giugno 20, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Giappone, la terra trema Tre morti e centinaia di feriti

Giappone, la terra trema Tre morti e centinaia di feriti

Non ci sono segnalazioni di feriti o danni gravi. L'agenzia meteorologica giapponese ha avvertito che potrebbe esserci un'altra grande scossa nei prossimi giorni, mentre la pioggia e le frane continueranno a rappresentare un pericolo.

Per un Paese come il Giappone, che vive costantemente su una terra a rischio, quello che è seguito agli attimi di paura si è trasformato nell'applicazione meccanica di linee guida e regole tramandate da generazioni. Il terremoto non ha comunque portato ad allerte tsunami e non ha avuto conseguenze sulle centrali nucleari attive nei dintorni. La piccola è stata colpita da un pezzo di cemento staccatosi da un muro mentre andava a scuola a Takatsuki. L'aeroporto internazionale di Kansai (Osaka), il più importante del Giappone occidentale, è stato riaperto.

L'epicentro del sisma (a 13 chilometri di profondità) si trova nell'aera di Osaka, la seconda città dell'arcipelago nipponico per numero di abitanti.

"Ero a casa e stavo facendo colazione quando all'improviso è arrivata una scossa fortissima che ha fatto tremare mobili, lampadari e finestre". Circa 170.000 abitazioni hanno subito interruzioni di corrente. Circa 107 mila hanno registrato un blackout, ma la fornitura di energia elettrica è prontamente stata ripristinata.

More news: Mosca, taxi sulla folla: 7 feriti

Sono tre, attualmente, le vittime del sisma di Osaka.

Secondo l'agenzia Kyodo, la bimba è rimasta schiacciata dal crollo del muro perimetrale di una piscina nella città di Takatsuki. Emblematica quella gigante che si è aperta a Osaka, causando ampi disagi alla circolazione dei mezzi.

Il giorno prima del terremoto di Osaka, è stata registrata un'attività sismica di magnitudo 4.3 nell'area di Tokyo. L'epicentro è stato dunque individuato nella zona di Fogliano, lungo via Isonzo e non lontano da via della Segheria. Il sisma non ha causato danni agli edifici né feriti tra la popolazione.

Come questo: