Pubblicato: Mar, Giugno 19, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

L'approccio sui migranti deve cambiare "o salta Schengen"


Conferenza stampa anche per il ministro dell'Interno, presidente della CSU, Seehofer, che ha confermato la linea dura: il giorno dopo il vertice del Consiglio Europeo che si tiene a Bruxelles il 28 e 29 giugno, quindi, nel caso in cui non si trovasse l'accordo, i migranti alle frontiere saranno respinti: "E' stato tutto ridotto alla richiesta di altri 14 giorni: cosa può cambiare in 14 giorni?"

"Soluzioni europee per l'emergenza migranti, senza innescare dinamiche bilaterali che rischiano di costituire la fine di Schengen".

"Sappiamo che l'Italia ha problemi con la disoccupazione giovanile, anche su questo è importante collaborare - ha detto la cancelliera -". L'annuncio è arrivato dal ministro degli Interni, Horst Seehofer, in una riunione della Csu a Monaco.

Quello di stasera fra Angela Merkel e Giuseppe Conte "è stato un buon colloquio".

More news: Mosca, taxi travolge tifosi messicani: 7 feriti. Fermato l'autista ubriaco Video

Mentre in Italia il vice-premier M5S Luigi Di Maio gioca l' 'asse dei premier' - Italia, Germania, Francia - contro l' 'asse dei ministri dell'Interno' del collega Salvini - Italia, Germania, Austria -, sostenendo che "la Germania ci sta servendo degli assist", la Merkel riconosce l'urgenza di dare "solidarietà all'Italia" e apre a "collaborare con l'Italia" sia sui migranti che sul lavoro. "Il tema della solidarietà in Europa, dalla Germania viene accolto sempre a braccia aperte". Priorità del governo italiano sono il lavoro e la lotta alla povertà. Personalmente non posso, come responsabile del governo, rimanere indifferente a certi dati: lo scorso anno 2,7 milioni di italiani hanno fatto ricorso a mense per i poveri e a pacchi alimentari. "Dalla Germania possiamo prendere esempio sugli strumenti da utilizzare".

"La posta in gioco per l'Europa è altissima, i temi dell'immigrazione e della governance economica dell'Ue possono e devono essere occasione per pervenire a costruire un'Europa più forte e più equa che possa rispondere ai bisogni primari dei cittadini", ha affermato Conte. Accanto a questo l'annuncio che "al prossimo consiglio europeo in sede di discussione nel quadro finanziario pluriennale l'Italia farà pesare la sua voce per orientare i fondi europei verso misure di sostegno a favore".

"L'Italia farà pesare la sua voce per orientare i fondi europei verso misure di sostegno a favore dell'inclusione sociale come il Reddito di Cittadinanza". Possiamo dare dei suggerimenti in base all'esperienza con l'unificazione tedesca.

Come questo: