Pubblicato: Ven, Giugno 15, 2018
Medicina | Di Gottardo Magnano

Giornata mondiale del donatore, a De Ferrari c'è la raccolta straordinaria

Giornata mondiale del donatore, a De Ferrari c'è la raccolta straordinaria

Per il giorno 14 giugno, Giornata Mondiale del Donatore, è stato organizzato, inoltre, un incontro in collaborazione con l'Avis di Salerno, durante il quale, dopo aver ascoltato alcuni interventi di illustri relatori, saranno premiati alcuni fra i donatori che si sono particolarmente distinti per la loro attiva partecipazione.

"Giornate come questa ci aiutano a ricordare il senso della nostra mission e ci spingono a dare sempre il massimo".

Un invito di fondamentale importanza soprattutto alla luce degli ultimi dati raccolti dal Centro Nazionale Sangue, secondo cui continua drasticamente a diminuire il numero di donatori in Italia. Non è andata affatto meglio per le donazioni di plasma, passate da 30.823 del 2016 a 27.920 del 2017, con un -9.42%.

Le trasfusioni di globuli rossi sono in leggero calo, grazie anche alle tecniche di Patient Blood Management.

More news: Juventus, il Valencia vuole solo soldi per Cancelo. No a Pjaca

Il Centro raccolta sangue dell'ospedale di Isili (via Emilia n. 1 - primo piano dalle 7.30 alle 12 tel. 0782 820365) sarà aperto per le donazioni giovedì 14 giugno dalle 7.30 alle 11.30. Infine, l'Asl 4 Chiavarese: 2.471 unità raccolte quest'anno, contro le 2.328 dell'anno scorso: lieve calo di raccolta solo nel mese di febbraio.

Diventa necessario, dunque, promuovere e potenziare una campagna di sensibilizzazione alla donazione al fine di supportare le strutture avisine che, di concerto con quelle pubbliche trasfusionali, si sono già attivate con la predisposizione di raccolte straordinarie, in aggiunta a quelle già programmate. "Una situazione preoccupante - fa notare Brunello - perché senza sangue entra in crisi l'intera sanità veneta, e con essa il delicato settore dei trapianti stessi".

Complessivamente stabili i nuovi donatori: 16.171 nel 2017 rispetto ai 16.634 nel 2016.

"L'autosufficienza regionale, massimi livelli di sicurezza nelle trasfusioni, l'utilizzo corretto del sangue, una rete informatica più omogenea a livello territoriale, un sostegno ancora più forte per le associazioni e federazioni di donatori: questi - ha evidenziato la direttrice Randi - sono i principali intenti del sistema sangue regionale". Le Avis, dalla regionale alle comunali, passando per le provinciali, ce la stanno mettendo tutta, anche con una presenza sempre più forte nelle scuole oltre con una miriade di iniziative diverse. Sui siti web www.avisprovincialetrapani.it e www.fidas-alcamo.it tutte le informazioni di contatto delle nostri sedi.

Come questo: