Pubblicato: Mer, Giugno 13, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Storico incontro tra Trump e Kim Jong-un: "Passato è alle spalle"

Storico incontro tra Trump e Kim Jong-un:

La Penisola coreana vedrà un grande cambiamento. L'ex stella dei Bulls è ormai da anni il cittadino americano più vicino al leader nordcoreano e più volte si è detto disposto a fare tutto il necessario per riavvicinare "i suoi due amici Trump e Kim". "Hanno giocato un ruolo importante, verranno tolte quando saremo alla fine del percorso", ha assicurato il presidente Trump. Lagarde ha commentato così la disfatta del G7.

Se ci fosse l'accordo sull'ingresso di Pyongyang nella scena economica internazionale, le sanzioni decaderebbero automaticamente. "Non è stato facile arrivare qui - ha replicato Kim - ci sono stati degli ostacoli ma li abbiamo superati e ora siamo qui". "Avremo una grande discussione e un rapporto eccezionale", ha aggiunto il tycoon nelle brevi dichiarazioni per i media avendo Kim seduto sulla poltrona alla sua sinistra. Pyongyang - che punta a riforme economiche per risollevare il Paese - dovrebbe essere pronta a confermare la totale sospensione dei test nucleari e il congelamento dell'arsenale atomico; ma non è chiaro quali garanzie voglia in cambio e cosa Trump sia disposto a cedere.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il satrapo nordcoreano, Kim Jong-un, si sono incontrati a Singapore. L'isolamento degli Stati Uniti su temi come ambiente, Iran e Russia sono stati fonte di freddezza diplomatica fin dall'inizio della presidenza Trump, ma l'introduzione dei dazi sulle importazioni europee, messicane e canadesi di acciaio e alluminio hanno dato il colpo finale.

More news: Diritti tv, Mediapro e Sky in Lega: ultime ore di trattative private

Quale sarà la foto che entrerà nei libri di Storia per questo vertice di Singapore? "Molti nel mondo penseranno che è un film di fantascienza", ha scherzato. I dirigenti cinesi sono preoccupati di un eventuale crollo del regime, con annesso afflusso di rifugiati nelle province nord-orientali della Cina e un'eventuale riunificazione della penisola coreana sotto l'egida delle truppe americane. "Vorrei esprimere gratitudine al presidente Trump per aver fatto accadere questo incontro", ha aggiunto Kim.

4 - Gli Stati Uniti e la Dprk s'impegnano a recuperare i resti dei prigionieri di guerra, con l'immediato rimpatrio di quelli già identificati. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori. A Seoul il presidente sudcoreano Moon Jae-in, che è stato l'iniziatore della fase di distensione di cui il summit odierno è figlio, ha assistito in diretta Tv quanto accadeva a Singapore. Secondo gli esperti, però, l'abbandono di questo sito non impedisce di metterlo in funzione in un secondo momento e nessuno può escludere che la Corea del Nord non disponga di altre strutture simili. Kim, dal canto suo, è il terzo leader nordcoreano (dopo il nonno Kim Il Sung e il padre Kim Jong Il) ed è uno dei più giovani capi di una nazione essendo ancora, presumibilmente, a metà del suo terzo decennio di vita.Due due, teoricamente, quello più tranquillo sul suo scranno è Kim che, essendo a capo di un regime totalitario di cui lui è leader indiscusso per diritto dinastico, non ha il problema di dover affrontare elezioni.Trump, dal canto suo ha dovuto raggiungere la Casa bianca dopo una carriera da immobiliarista e da imprenditore dei reality show televisivi. "È un documento molto ampio, dettagliato, lo leggerete e vedrete anche voi, si crea un legame forte tra di noi, speciale".

"Il mio incontro con Kim è stato onesto, diretto e produttivo", ha affermato Trump, che ha ringrazito il leader nordcoreano.

Come questo: