Pubblicato: Mar, Giugno 12, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Inter, Vecchi: "Forse è il momento di salutare. Rover? Ha tante richieste"

Inter, Vecchi:

L'esito della finale del campionato Primavera non fa, purtroppo, una grinza: troppo forte ancora una volta l'Inter di Stefano Vecchi per la Fiorentina, in grado di resistere fino ai supplementari, prima di capitolare sotto i colpi di Colidio e Rover. Giovani in prima squadra? E' stimolante, ma non sempre facile anche perchè ci sono stagioni dove si è più carenti in alcuni ruoli e in esubero in altri. "Lì abbiamo un centro di formazione che è tra i nostri fiori all'occhiello e non è un caso se il capitano Lombardoni arriva proprio da quella provincia, così come Valietti, tra i migliori in questa fase finale". "I miei ragazzi sono cresciuti tantissimo dal primo giorno di ritiro, porterò sempre nel mio cuore un pezzettino di ognuno di loro - sottolinea l'allenatore della Fiorentina Primavera -".

"A noi, al mio staff, alla società: siamo noi e ce lo meritiamo".

More news: È morto lo chef Anthony Bourdain

Nel contratto con Suning.com infatti sono previste anche clausole legate alle prestazione della squadra Primavera: ogni trofeo ufficiale, infatti, 500mila euro di bonus. Si lavora con ragazzi che stanno cercando di realizzare il loro sogno, lo vedono lì vicino, spesso si allenano con la Prima squadra: per cui bisogna cercare di assecondarli, farli sbagliare il meno possibile e soprattutto cercare di essere coerente e onesto. Sui ragazzi ci sono altre difficoltà. Son tanti soldi ma sono pronti per una squadra di medio-bassa classifica.

"E' il calcio italiano che rende difficile questa cosa. L'Inter ha sempre avuto giocatori forti, per i giocatori giovani è sempre un po' complicato inserirsi". E' un predestinato". Vecchi ha poi aggiunto: "Voglio fare i complimenti a Matteo Rover, per me è un titolare in assoluto, era con noi dall' scorso anno. Ha segnato tantissimi gol, compreso il secondo contro la Fiorentina in finale. E' un ragazzo richiesto, sta all'Inter e alla sua famiglia trovare la squadra giusta per valorizzarlo.

Come questo: