Pubblicato: Sab, Giugno 09, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Canada, G7: l'arrivo del premier Conte in Quebec

Canada, G7: l'arrivo del premier Conte in Quebec

Nel primo giorno del G7 di Charlevoix, in Canada, i leader europei hanno evidenziato varie divergenze con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, dando l'impressione di un summit complicato e che potrebbe addirittura concludersi senza un comunicato congiunto di tutti e sette i paesi coinvolti, come prevede la consuetudine.

"Che piaccia o no - e può essere politicamente scorretto dirlo - ma abbiamo bisogno di governare il mondo". Lo ha detto ancora Trump al premier Conte, nel colloquio avuto a margine dei lavori. "Lavoreremo quindi in questa direzione", ha poi aggiunto Conte.

Donald Trump ha poi definito "una missione di pace" il viaggio che si appresta a fare a Singapore per lo storico vertice con il leader nordcoreano Kim Jong un.

Pranzo di lavoro poi al tavolo dei grandi per il premier italiano, che è seduto tra il presidente francese Emmanuel Macron e la britannica Theresa May.

"Sono qui per rappresentare e difendere gli interessi degli italiani, per esprimere la posizione dell'Italia ed è quello che ho fatto fin qui".

More news: Diritti tv: Lega archivia Mediapro, trattative private

Stoccata ad Obama - Trump, infine, ha trovato il tempo pure per criticare il suo predecessore, rispondendo a chi gli chiedeva se Vladimir Putin dovesse scusarsi per l'aggressione che ha portato la Russia fuori dal G8.

"Condividiamo un continente: l'Europa".

Conte: "Sono d'accordo con il presidente americano". Il neo premier è sbarcato in Quebec dopo un volo di Stato per il G7, suo primo impegno internazionale.

Commentando la dichiarazione di Trump, il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov, ha detto che Mosca "si sta concentrando su altri formati". "Siamo attenti che le sanzioni non impattino sulla società russa". "E se questo non succede, ne usciamo ancora meglio", ha aggiunto. "Basti pensare che la Cina fino a pochi anni fa era un Paese emergente e invece oggi è una potenza mondiale particolarmente invasiva sul piano commerciale". La mossa di Trump rischia ora di accrescere enormemente le tensioni tra Usa ed Europa, dopo la vicenda dei dazi e il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo sul programma nucleare dell'Iran. "Dobbiamo salvaguardare i principi dell'Ue, tra i quali il fatto che gli stati europei, come la Russia, debbano rispettare le regole internazionali. Significa minare i valori che il G7 è stato creato per salvaguardare".

Come questo: