Pubblicato: Ven, Giugno 08, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Sciopero dei trasporti, possibili disagi per chi viaggia in treno e aereo

Sciopero dei trasporti, possibili disagi per chi viaggia in treno e aereo

Per conoscere tutti gli aggiornamenti sullo sciopero è possibile consultare il sito di Trenitalia che indica tutti i treni garantiti.

Dalle 22 del 7 giugno alle 6 dell'8 giugno è stato proclamato uno sciopero nazionale del trasporto ferroviario. Italo-Ntv fa sapere sul proprio sito web che non si prevedono impatti per la circolazione dei propri treni.

"Lo sciopero - ha chiarito Trenord - non interessa le fasce orarie di garanzia" e quindi "viaggeranno tutti i treni in partenza entro le ore 22.00 di giovedì 7 giugno e con arrivo a destinazione finale entro le ore 23.00". Tutelando in ogni caso le corse con maggior traffico di viaggiatori, lo sciopero riguarderà quindi, principalmente, i treni regionali, che potrebbero subire cancellazioni o variazioni nel servizio.

More news: Soros al Festival: "L'Italia deve sapere se Putin paga Salvini"

Per seguire l'evoluzione dello sciopero si consiglia di tenere monitorato il sito di Trenord. Un'altra protesta indetta per la stessa giornata dell'8 giugno coinvolgerà la compagnia aerea Air Italy, i cui assistenti di volo incroceranno le braccia per un totale di 4 ore, dalle 13.00 alle 17.00. Si registrano comunque numerosi voli cancellati. E metropolitane, autobus e tram cittadini regolari.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale nella città di Milano non dovrebbero esserci disagi, in quanto Atm ha comunicato che non vi è stata alcun avvertimento riguardante la manifestazione sindacale.

Al centro delle rivendicazioni dei lavoratori c'è il diritto stesso allo sciopero unito alla protesta contro i processi di privatizzazione e liberalizzazione dei servizi, come hanno ricordato i sindacati Usb e Cub: "È grave ed inaccettabile l'attacco al diritto di sciopero in atto nel settore dei trasporti, una strategia funzionale a imbavagliare i lavoratori in modo da affondare il colpo e attuare, senza la prevedibile opposizione sociale, le dannose politiche di privatizzazione, liberalizzazione e precarizzazione, infierendo draconiani tagli salariali e occupazionali, nonché consistenti peggioramenti normativi all'intera categoria dei trasporti, in tutti i comparti, anche a scapito della qualità del servizio". Mentre dalla mezzanotte alle 6 si fermano i lavoratori dell'Usb lavoro privato.

Come questo: