Pubblicato: Gio, Giugno 07, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Flat tax, Bagnai: in 2020 per famiglie. Ma Siri smentisce: in 2019

Flat tax, Bagnai: in 2020 per famiglie. Ma Siri smentisce: in 2019

La flat tax sui redditi di impresa esiste da qualche decennio - attacca Luigi Marattina (Pd) - Prima si chiamava Irpeg, e ora si chiama Ires, e tassa proporzionalmente i redditi delle società di capitali. Per quanto riguarda quella familiare, come spiegato in un articolo precedente, si tratta di applicare il 15% di aliquota agli stipendi che vanno dagli 8 mila agli 80 mila euro annui, con un aumento al 20% per quelli che superano quota 80 mila. "Il sistema tributario è informato a criteri di progressività". "Due aliquote fisse al 15% e al 20% per persone fisiche, partite Iva, imprese e famiglie".

L'annuncio delle priorità economiche del nuovo governo, in materia fiscale, è spettato al senatore Alberto Bagnai (Lega), il quale ha annunciato che la "flat tax", che in verità nel programma di governo prevede due aliquote, arriverà prima per le imprese a partire dal 2019 e solo in seguito alle famiglie. "E poi a partire dal secondo anno si prevede di applicarla alle famiglie", ha detto il parlamentare.

More news: Diritti tv: Lega archivia Mediapro, trattative private

In serata, anche il deputato leghista Claudio Borghi ammette che dare priorità alle imprese "è più facile". La flat tax e il dipendente di call center (La Stampa, 5 giugno 2018)Se single vedrà abbattersi la sua Irpef da 21.320 euro a 8.699. La Lega, però, aveva formulato una proposta ancora più estrema, ovvero quella di una flat tax al 15 per cento. Per le classi a basso reddito resterà il principio della no tax area. Ciò significa che sarebbero esentati dal pagare l'imposta unica le persone il cui reddito è inferiore a una certa soglia. A questo serve l'annunciata rivoluzione fiscale, a far guadagnare chi è più ricco.

Sulla flat tax sembrano tutti d'accordo, ma sui tempi di applicazione non proprio. Questo sistema, infatti, riduce moltissimo le tasse per chi ha redditi elevati, mentre per i redditi bassi la riduzione delle imposte è minima. Una misura che, stando a quanto affermato dal neoministro Tria su 'Formiche.net', potrebbe essere finanziata anche attraverso l'aumento dell'Iva. "La cosa che colpisce di più - scandisce la senatrice - è che questa frenata sulla flat tax ai cittadini viene motivata dicendo che verrà privilegiata la flat tax per le imprese". I risparmi più consistenti della flat tax, già ribattezzata dual tax, si registrano nella fascia fra i 60 e gli 80mila euro.

Come questo: