Pubblicato: Lun, Giugno 04, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Ducati, Lorenzo: "Troppo tardi per restare"


Il 'Dottore' ha perso subito il primo posto e poi si è ritrovato invischiato nella battaglia per il gradino più basso del podio, dando vita a un duello tutto italiano con Andrea Iannone, il più veloce nel Warm-Up, che ha chiuso quarto. Weekend difficile e andiamo a casa con 20 punti, il campionato è migliore, una doppietta al Mugello è ottima. Felice ma un pò deluso Andrea Dovizioso, secondo: "Brava la Ducati ad averci permesso di realizzare un doppietta, ma non sono felice al 100% perché abbiamo fatto la scelta sbagliata montando una gomma dura all'anteriore". Una delle più simboliche: una risposta a quanti muovevano con gioia il pallottoliere delle sue battute a vuoto a Borgo Panigale e una replica a chi ne ha sancito l'addio con la rossa a fine stagione.

Al semaforo verde Lorenzo scatta meglio di tutti e si porta al comando davanti a Rossi, mentre alle loro spalle Marquez si prende il terzo posto dopo avere rifilato una 'sportellatà a Petrucci. Lo spagnolo esagera, scivola al 5° giro quando era secondo, non riesce a evitare la ghiaia con uno dei suoi celebri salvataggi e chiude 16° e fuori dai punti. A complicarsi a quel punto è anche la gara di Rossi, passato prima da Dovizioso e poi da Iannone. Il numero 46 si lascia alle spalle le due Suzuki di Iannone e Rins e a 6 giri dalla fine piazza un sorpasso perfetto ai danni del connazionale della Pramac Racing.

More news: Roma: Francesco Totti ad un anno dal ritiro

Lo spagnolo ha preceduto una pattuglia tutta italiana, che si è data battaglia per tutta la gara. Questo è il Lorenzo che stavamo aspettando da moltissimo tempo. Io ho tanti difetti, ma quello che non posso accettare è che dicano che cerco scuse. "Vincere qui con Ducati è come un sogno".

Come questo: