Pubblicato: Dom, Giugno 03, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Calciomercato Juventus, si chiude per Perin: 14 milioni

Calciomercato Juventus, si chiude per Perin: 14 milioni

Verso l'amichevole contro l'Olanda, in scena lunedì all'Allianz Stadium, Mattia Perin presenta la sfida degli azzurri dalla sala stampa di Vinovo. Dal punto di vista caratteriale sono cambiato. Classe 1992 e 145 presenze all'attivo con la maglia del Genoa in Serie A, Perin sa che è arrivato il momento di abbracciare una big: dopo le tentazioni rispondenti ai nomi di Milan e Napoli, il portiere originario di Latina è diventato uno dei nomi di primo piano del calciomercato Juventus. Il resto lo faccio fare al mio agente, sto cercando di lasciare fuori il mercato. "E le due società troveranno l'accordo". "Non è ancora fatto nulla, ma sono pronto". In tutti i grandi club ci sono due portieri di spessore, bisogna conquistarsi il posto e ciò non mi spaventa. "La competizione fa bene".

More news: Mattarella: "Mai ostacolato la formazione del governo"

Ha sempre risposto sul campo alle critiche. Archiviata questa lunga parentesi fondamentale per Perin, essendo stata Genova la città in cui si è messo in mostra e dove è nata sua figlia Vittoria, a dimostrazione di un viscerale attaccamento al capoluogo ligure, ora è tempo di dirottare le proprie attenzioni in uno dei club più ambiziosi in Europa, ossia quella Juventus regina incontrastata in Italia da sette anni consecutivi. "Quanto a Mancini, oltre alle doti tecniche e tattiche, è un ottimo gestore del gruppo". Gerarchie? Non spetta a me deciderlo. "I giocatori vogliono bene all'allenatore e sudano la maglietta per lui". Per Mattia sarà un esame importante, un arduo banco di prova, ma con il suo coraggio e la sua indomabile intraprendenza, in molti sono certi che non deluderà le attese. Abbiamo compiuto piccoli passi in avanti che ci danno fiducia. Dopo due anni in prestito tra Padova e Pescara, nell'estate del 2013 fece ritorno nella casa madre rossoblù, conquistando con merito i galloni da titolare. Mettere in difficoltà squadre come la Francia è quello che ci serve adesso. "Condivido le parole di Bonucci: Balotelli non ha più fatto casini, merita un po' di pace".

Come questo: