Pubblicato: Lun, Mag 28, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Mattarella: "Mai ostacolato la formazione del governo"

Mattarella:

Il leader della Lega Matteo Salvini ha parlato attraverso il suo profilo facebook. Oggi il professor Conte mi ha presentato le sue proposte per i ministri che come da Costituzione io devo firmare. "Avevamo espresso Conte come presidente del consiglio, avevamo una squadra di ministri, eravamo pronti a governare e ci è stato detto no perché il problema è che le agenzie di rating in tutta Europa erano preoccupate per un uomo che andava a fare il ministro dell'Economia".

Il presidente del Consiglio incaricato è salito al Quirinale poco dopo le ore 17 e 30 di venerdì per incontrare il Capo dello Stato Sergio Mattarella. Occorre fare attenzione anche al pericolo di forti aumenti per i mutui. La Costituzione mi affida il compito di esser attento anche ai risparmi italiani. Non è stato così per altri Stati, e questo ha consentito loro di "razionalizzare" gli snodi dei rapporti con l'Unione Europea.

Sul futuro e su eventuali prossime elezioni il Presidente della Repubblica è chiaro: "Prenderò la decisione sulle elezioni". Interpellato a margine della Wired Next Fest di Milano sul rischio di una crisi istituzionale, Casaleggio ha ribadito più volte di essere "fiducioso che siamo vicini a un grande cambiamento per il Paese".

Dopo il no a Paolo Savona, è il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a finire sul banco degli imputati.

More news: Tuttocuoio shock: l'attaccante Zini uccide la ex e si suicida

Polemici i vertici del M5s, che ora attaccano Mattarella e ne invocano l'impeachment per alto tradimento.

E' inaccettabile per il presidente della Repubblica un ministro dell'Economia che possa portare all'uscita dall'euro. In questo caso, viene messo in stato di accusa dal Parlamento riunito in seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi membri. Abbiamo lavorato per settimane giorno e notte per trasformare in realtà quello che gli italiani ci hanno chiesto, a cominciare dalla cancellazione della legge Fornero. Due lunghi colloqui al Colle per i leader di M5S e Lega, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, hanno preceduto l'arrivo del premier incaricato. "A questo punto, con l'onestà, la coerenza e il coraggio di sempre, la parola deve tornare a voi!". Sono stato informato della richiesta di forze politiche di andare al voto anticipato. Ma se qualcuno mi dice vai in ufficio ma con calma e poi vediamo lo spread, i vincoli, allora no: così non si può lavorare bene. "Se siamo in democrazia e rimane solo una cosa da fare restituire la parola agli italiani".

Il moltiplicarsi di queste ingerenze indebite porta al ragionevole sospetto che esse siano indirizzate non ad assecondare il consolidamento della Ue, ma piuttosto a rafforzare la sua attuale tendenza a degenerare in una aggregazione egemonizzata da alcuni Paesi e da alcune strutture di potere.

Come questo: