Pubblicato: Ven, Mag 18, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

MotoGP - Le Mans, PL1: è sempre Marquez-Dovizioso; si rivedono le Yamaha

MotoGP - Le Mans, PL1: è sempre Marquez-Dovizioso; si rivedono le Yamaha

Andrea Dovizioso ha celebrato alla grande il giorno del suo rinnovo con la Ducati, perché il forlivese ha chiuso la prima giornata di prove del GP di Francia mettendo la sua Desmosedici GP davanti a tutti a Le Mans, su una pista sulla carta non favorevole. Dunque è molto carico per il Gran Premio di Francia. Da un lato, infatti, i risultati delle ultime gare indicherebbero come favorito d'obbligo Marc Marquez, che dall'alto delle sue due vittorie consecutive vive un momento di forma e di morale strepitoso.

La pista francese non è una delle migliori per lui. "Il Campione del Mondo ha siglato il tempo di 1'32" 476, guidando una Honda dotata di una ulteriore e piccola modifica apportata alle ali della sua RC 213V, ora più stabile in ingresso curva; per quanto riguarda l'uscita, ci pensa Marc, con le sue derapate in accelerazione, a determinare la differenza. Quarto nel 2015, tredicesimo nel 2016 e ritirato l'anno scorso. Il circuito mi piace. "Poi sinceramente non mi piace l'idea di farlo mentre corro, quindi forse si potrà fare quando avrò smesso". "La nostra lunga collaborazione con Claude Michy è stata importante per fare in modo che questo diventasse ciò che è oggi e sono contento di consolidare la nostra presenza in Francia per altri cinque anni". "Continuo a sognare la vittoria, per me è una buona pista e l'anno scorso la andava bene qui", ha detto il pilota Yamaha. Una prima sessione che sembra sorridere alla Yamaha, che piazza Vinales e Rossi rispettivamente al terzo e sesto tempo. La sua Honda è molto forte, pare essere migliorata anche nei recenti test di Jerez e Mugello. Abbiamo trovato qualcosa in più di importante.

More news: Rovesci e temporali previsti sul Veneto e scatta l'allerta meteo della Regione

Ottimo turno anche per Andrea Iannone, sempre più in sintonia con la sua Suzuki, che chiude al settimo posto a poco più di un decimo da Rossi.

Come questo: