Pubblicato: Mar, Mag 15, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Fisco, Ag Entrate: martedì 15 scade termine rottamazione cartelle

Fisco, Ag Entrate: martedì 15 scade termine rottamazione cartelle

Scendono gli interessi di mora sulle cartelle esattoriali: dal 15 maggio 2018, il tasso scende al 3,01% dal precedente 3,5%. L'adesione a questa Definizione agevolata darà al cittadino moroso la possibilità di poter sanare le proprie irregolarità senza dei costi aggiuntivi. Salvini e Di Maio parlano di "pace fiscale" e sono migliaia i piccoli imprenditori e le famiglie strette nella morsa dei debiti, che oggi, più di ieri, non riescono a trovare una via d'uscita, oltre a essere il fronte di prossimità alla forte crisi economica e sociale.

Fila nelle sedi dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione, che ha preso il posto di Equitalia. Per questa ragione, prima di prendere una decisione, meglio farsi bene i conti in tasca. "La rottamazione può essere perfezionata anche solo per alcune delle cartelle", spiegano dall'Agenzia. Anche in questo caso, però, il contribuente conferma un'attitudine ad un confronto sempre più digitale. Possono fare richiesta anche i contribuenti che non sono stati ammessi alla precedente definizione agevolata solo se al 24 ottobre 2016 avevano un piano di rateizzazione in essere con l'agente della riscossione e non erano in regola con i pagamenti delle rate in scadenza entro il 31 dicembre 2016. La domanda di rottamazione congela automaticamente i procedimenti esecutivi sul creditore a partire dalla data di presentazione della richiesta e durante tutta la procedura. Per le multe stradali, invece, non si pagheranno gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

Se si decide di aderire alla definizione agevolata, bisognerà presentare all'Agenzia una domanda corredata da documento di identità e dalla dichiarazione sostitutiva per le richieste in proprio o in rappresentanza di terzi.

"Te"; delegando un professionista delegato; oppure presso uno dei 200 sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione.

More news: Allarme Istat: in Italia un milione di famiglie senza lavoro

L'Agenzia Riscossione fornirà, entro giugno o settembre, il bollettino dei pagamenti. In caso di accoglimento della domanda la comunicazione conterrà: l'importo delle somme dovute, la scadenza delle eventuali rate e i bollettini da utilizzare per il pagamento. E' fatta salva la possibilità di pagare interamente il dovuto in un'unica rata a luglio. Sono gli obiettivi che potrebbero essere raggiunti alla scadenza, fissata per martedì 15, che conclude l'operazione "rottamazione bis". Intero o a rate, alla prima scadenza utile.

Alla rottamazione 2018, possono aderire tutti i contribuenti, compresi coloro che non hanno presentato la domanda di adesione alla rottamazione dello scorso anno. Si potrà pagare via banca, Poste, Tabaccai convenzionato con Banca 5 spa, Lottomatica e Sisal.

Ancora pochi giorni per aderire: l'istanza può essere presentata fino a martedì 15 maggio. Il servizio in area pubblica sarà disponibile fino alle 23 di domani perché, una volta ricevuta l'email dall'ente di riscossione, si dovrà validare la richiesta al link ricevuto nella posta elettronica entro le 23.50.

Come questo: