Pubblicato: Lun, Mag 14, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Juve, lo scudetto della vergogna: manichini del Napoli impiccati

Juve, lo scudetto della vergogna: manichini del Napoli impiccati

La Juventus è nella leggenda con sette scudetti di fila.

More news: MotoGP, Ultimi biglietti per la tribuna Suzuki a Poggio Secco al Mugello

Per festeggiare, alla squadra di Allegri, è bastato un pareggio a reti bianche contro la Roma: prima del match valido per la penultima giornata infatti, la Juve vantava 6 punti di vantaggio sul Napoli che nel frattempo ha vinto 2-0 a Marassi contro la Sampdoria. Decidera' con il presidente. "Sono contento che i ragazzi abbiano chiuso questa sera il capitolo, cosi' avremo una settimana in piu' di vacanza". Ci sono tante sfumature che ridurre ogni vittoria al giocar bene o giocar male non ha senso senza togliere nulla a chi ha giocato meglio di noi, ma alla fine non è arrivata al risultato. "Un grandissimo uomo ed un campione". Dopo la vittoria della Coppa Italia la squadra dopo un primo tempo difficile ha ripreso in mano la gara. Quattro di questi portano la firma di Massimiliano Allegri, che da quando si è seduto sulla panchina bianconera, nell'estate del 2014, in Italia ha fatto "l'unica cosa che conta", per dirla con Boniperti: vincere. Ora non sono ancora lucido per rispondere, ma alla Juventus come riparti le motivazioni le trovi. Il più grande merito della squadra è stato quello di aver mantenuto sempre la calma, perchè nel calcio le cose cambiano in un attimo. "Bisogna lavorare bene a livello psicologico perché con gli sbalzi d'umore non si vince". "Poi ci vuole anche un pizzico di fortuna, ma in quei momenti siamo riusciti a portare la palla nei posti giusti". Sono contento per Pinsoglio che è arrivato dopo due annate non belle, è stato importante per il gruppo. Un voto alla mia stagione? "Douglas Costa? È un giocatore che spacca in due le partite, oggi mi ha fatto arrabbiare perché sembrava al circo ma è un giocatore straordinario". Buffon? Non so se sara' la sua ultima stagione.

Come questo: