Pubblicato: Dom, Mag 13, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Giro d'Italia, un compagno di Dumoulin multato per un colpo proibito

Giro d'Italia, un compagno di Dumoulin multato per un colpo proibito

L'italiano ha battuto Giovanni Visconti (Bahrain-Merida), che correva nella sua Sicilia, ed ha arricchito il suo palmares al Giro d'Italia con il terzo successo di tappa dopo aver vinto la quarta tappa nel 2013 e la quinta nel 2014.

Buongiorno dalla settima tappa del centunesimo Giro d'Italia, in programma dal 4 al 27 maggio e organizzato da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport, Pizzo-Praia a Mare di 159 km. Guarda gli highlights della 5a tappa di ieri.Dove vedere la tappa 7 del Giro d'Italia di venerdì 11 maggio in diretta tv e live streaming video.

Nella prima parte si snoda lungo strade statali e a scorrimento veloce caratterizzate dalla presenza di gallerie. La salita di domani all'arrivo?

"Abbiamo appena superato il centro abitato di Salerno e vi posso confermare che fino ad ora in questo Giro d'Italia non abbiamo visto così tante persone sul percorso". Previsto l'arrivo in volata perchè, diversamente dal 2016 quando qui vinse Ulissi, non si affronterà il muro cittadino con punte del 18%. L'irlandese del team Bora-Hansgrohe si è imposto in volata precedendo l'azzurro Elia Viviani (Quick-Step Floors). Rohan Dennis ha mantenuto la maglia rosa, restando insieme a Tom Dumoulin sullo strappo finale. Due soli i successi dunque nel 2016 su strada, mentre nel 2017 Elia Viviani vince nove gare, anche se ha una delusione.

More news: Inter, è fatta: depositato il contratto di de Vrij

Domani si torna a salire, per il secondo arrivo in quota al Santuario di Montevergine di Mercogliano.

Nella tappa di oggi, la lista dei corridori dotati del dispositivo per il monitoraggio dati in tempo reale di Velon può essere scaricata da questo link.

"La classifica generale è rimasta invariata nelle prime 10 posizioni, non per quanto riguarda l'undicesimo posto perché il colombiano Carlos Alberto Betancur ha avuto qualche problema nel finale e ha perso 23" e quattro posizioni in classifica.

"Se l'intento del "Giro d'Italia" è quello di promuovere i territori che attraversa, c'è da dire che chiunque abbia pagato per godere di un servizio promozionale avrebbe tutto il diritto di farsi rimborsare".

Come questo: