Pubblicato: Mer, Mag 09, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

La notte buia dello Stato italiano: 40 anni dall'uccisione di Aldo Moro

La notte buia dello Stato italiano: 40 anni dall'uccisione di Aldo Moro

Dopo una prigionia di 55 giorni nel covo di via Camillo Montalcini 8, le Brigate Rosse decisero di uccidere Moro, facendolo salire dentro il portabagagli di una Renault 4 rossa e sparandogli dieci colpi di pistola. Fu più volte ministro e cinque volte Presidente del Consiglio dei Ministri, promuovendo nel periodo 1974-76 la cosiddetta "strategia dell'attenzione" verso il Partito Comunista Italiano. In una delle lettere scritte durante la priogionia, Aldo Moro ha scritto alla moglie Eleonora detta "Noretta": "Per l'Università prega Saverio Fortuna di portare il mio saluto affettuoso agli studenti ed il mio rammarico di non poter andare oltre nel corso". La storia è ispirata all'omonimo libro di Giorgio Balzoni, ex allievo di Moro e poi cronista politico Rai.

Accanto all'attore che vestirà i panni di Aldo Moro, troviamo anche altri interpreti molto apprezzati da critica e pubblico, tra cui Filippo Tirabassi (Riccardo), Andrea Arcangeli (Emilio), Sara Cardinaletti (Francesca), Pierluigi Corallo, Valentina Romani (Lucia) e Uriel de Nola.

More news: Milan, Bonaventura: "Contro la Juve non basta giocare bene. Sul gol a"

E sottolinea come la sua morte sia un doppio crimine: "La morte di Moro non solo è stata una tragedia umana, ma ci ha lasciati orfani di una possibilità di analisi, politica, culturale, universitaria di almeno 20 anni". Aldo Moro e degli Agenti della sua scorta, l'Amministrazione Comunale di Montemarciano ha organizzato una serie di iniziative per ricordare il profondo legame che unisce, ancora oggi, la nostra comunità alla sua famiglia: la moglie dello Statista, Eleonora Chiavarelli visse a Montemarciano e nel Santuario di N.S. dei Lumi di Alberici la coppia si unì in matrimonio il 5 aprile del 1945.

Castellitto definisce questo un film "prezioso che rivela aspetti che neppure io conoscevo e soprattutto è culturalmente importante per i giovani che non conoscono la storia di Moro".

Come questo: