Pubblicato: Mer, Mag 09, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Juve, Allegri verso la finale: "Facciamo arrabbiare Gattuso"

Juve, Allegri verso la finale:

Gattuso è l'allenatore giusto per trasmettere la mentalità Milan ai nuovi arrivati e ai più giovani?

"Gattuso si vedeva che era un testone e un appassionato di calcio già quando era giocatore". Quando sei stato un grande campione rimetterti in discussione non è uno scherzo ma Rino ci è riuscito alla grande. Mi sembra anche molto migliorato e un pochino più pacato, bel segnale. Speriamo domani si incazzi un po', vorrebbe dire che le cose gli stanno andando male. Discorso ben diverso per Allegri, che non ha mai vinto da giocatore, ma si è portato a casa le ultime tre edizioni della Tim Cup.

Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della finale di Coppa Italia contro il Milan, il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri ha rilasciato le seguenti dichiarazioni. "In partite come quella di domani lui può fare molto molto bene, perchè ha più spazio". Il che significa che col Milan le partite difficilmente finiscono al 90' perchè regna un grande equilibrio. Domani abbiamo una partita che per noi è importante, molto importante, perché chiuderebbe una stagione, anche se lo Scudetto finché non abbiamo la matematica non l'abbiamo conquistato, però diciamo che siamo un pezzettino avanti. Applausi da tutta Italia non me li aspetto, mi aspetto che i ragazzi facciano felici tifosi e società giocando una grande finale. Buffon è sereno, come sempre quando prepara i grandi appuntamenti: "è un grande campione e i campioni sono tali quando le società traggono miglioramento dalla loro presenza". "Perchè tra l'altro io mi diverto molto a fare l'allenatore, perchè altrimenti diventerebbe un casino". Difesa a due o a tre dipende anche da loro, sono molto bravi nelle ripartenze.

Dopo il sigillo allo scudetto, il tecnico Allegri e la Juventus torneranno a discutere di futuro: A fine stagione ci siederemo a tavolino e programmeremo il futuro'.

More news: Serie A, Cagliari-Roma 0-1: alla Sardegna Arena decide Cengiz Ünder

Ora pensiamo alla finale di domani.

"Sicuramente è stata un'annata emotivamente complicata, quello è innegabile, perchè è cominciata troppo presto per poter avere poi la forza di gestire con razionalità tutto quello che via via accadeva".

"Sono cresciuto sempre, alla Juventus ma anche nelle mie esperienze precedenti".

Come questo: