Pubblicato: Sab, Mag 05, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Turismo, Regione Calabria stanzia 400.000 euro per il Giro d'Italia

Turismo, Regione Calabria stanzia 400.000 euro per il Giro d'Italia

Di certo c'è che dal 4 al 23 maggio (ultima tappa a Roma con una vera e propria passerella quando già la classifica avrà dato i suoi verdetti definitivi o quasi) ci aspettano 21 tappe piene di entusiasmo, passione e gioia, soprattutto nelle città in cui passerà il Giro e non soltanto per gli appassionati delle due ruote: la corsa rosa è una vera e propria festa nazional popolare che coinvolge veramente tutte senza distinzioni di età, genere e classe sociale.

Sarà la prima occasione per i velocisti di darsi battaglia: non dovranno lasciarsela sfuggire, gli uomini-jet, dal momento che di tappe in loro favore non ce ne saranno molte, essendo il percorso disegnato dagli organizzatori ricco di trappole anche in frazioni apparentemente tranquille.

Siamo curiosi anche di vedere all'opera il canadese Michael Woods, recente secondo alla Liegi, che ha cominciato a correre in bici a 27 anni dopo un promettente passato nell'atletica e che di conseguenza appare in crescita nonostante abbia passato la trentina. La tappa è dedicata al grande Gino Bartali, che è stato inserito fra i 682 'Giusti fra le Nazioni', trovando posto sul muro d'onore del Giardino dei giusti nel mausoleo della memoria Yad Vashem, a Gerusalemme. Froome, vincitore del Tour 2017 e della Vuelta 2017, è in Italia con l'obiettivo dichiarato di eguagliare le imprese di Eddie Merckx (Vuelta 1973, Giro 1974 e Tour 1974) e di Bernard Hinault (Giro 1982, Tour 1982 e Vuelta 1983), capaci di vincere tre Grandi Giri consecutivi.

Il nostro Formolo al passaggio da professionista sembrava un predestinato, oggi ha solo 25 anni e si è preparato con grande scrupolo per la Corsa Rosa anche se non potrà fare conto su uno squadrone.

More news: Inter-Juventus, frase Tagliavento: Pecoraro attenziona il filmato

Partito il Giro d'Italia, quest'anno edizione numero 101. Dall'altra Tom Dumoulin, campione uscente del Giro e Campione del Mondo in carica delle prove a cronometro.

Il percorso della 1/a tappa prevede l'attraversamento di strade cittadine di diversa ampiezza lungo un tracciato molto ondulato, con continui cambi di direzione e di pendenza.

Giro in diretta e Giro all'arrivo (15.00 - Rai2): La telecronaca della fase finale della tappa sarà affidata, come sempre, all'ormai collaudata ed affiatata coppia Francesco Pancani-Silvio Martinello, con una "terza voce" che, dalla cabina di commento, allargherà gli orizzonti sportivi con l'apporto dei cronisti in moto: Andrea De Luca, per la parte giornalistica, e Marco Saligari, ex ciclista detto il "Commissario". Dopo la vittoria all'Herald Sun Tour a febbraio in Australia, il paese della sua squadra, Mitchelton - Scott, Esteban Chaves si è preparato duramente in Colombia per un Giro ricco di salite che gli si addice. La cronometro di Gerusalemme viene conquistata, insieme alla maglia rosa, dall'olandese per soli due secondi su Dennis e Campenaerts.

Come questo: