Pubblicato: Sab, Mag 05, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Trump cambia versione: "Pornostar pagata per tacere"

Trump cambia versione:

Donald Trump sapeva del pagamento del suo legale Michael Cohen alla pornostar Stormy Daniels.

Giuliani ha anche aggiunto che il pagamento non rappresenta una violazione delle regole di finanziamento della campagna perché "non erano soldi della campagna".

More news: Pil, la crescita italiana tiene: +0,3% nel primo trimestre

La rivelazione di Giuliani contraddice quanto aveva detto il mese scorso il presidente americano, quando aveva negato di essere stato a conoscenza del pagamento di Cohen, ora indagato proprio per questo caso, a favore della pornostar Daniels, nell'ambito di un accordo per mantenere riservate le informazioni sulla sua relazione con lui, iniziata nel 2006 e proseguita a intermittenza negli anni seguenti. "Il denaro dalla campagna, o i contributi della campagna, non giocarono alcun ruolo in quella transazione".

La legge federale Usa obbliga alla trasparenza chiunque doni più di 200 dollari a una campagna elettorale (e comunque per i privati ci sono tetti a 130 mila dollari), ma permette ai candidati alla presidenza di contribuire con qualsiasi cifra alla propria corsa. "La gente - sostiene - merita che gli venga detta la verità da parte del suo presidente e dalle persone che stanno sul podio, alla Casa Bianca, informando i media alle conferenze stampa". Una circostanza finora sempre negata da Trump. Alla domanda se fosse a conoscenza del pagamento di Cohen a Stormy Daniels aveva risposto secco: "No". L'ex sindaco ha detto al quotidiano di possedere documenti che provano il rimborso del denaro, che "eliminano" così la possibilità di "una violazione sui fondi elettorali". Michael Avenatti, l'avvocato della donna ha prontamente reagito, accusando Trump di "aver apertamente mentito". E Trump adesso l'ha ripetuto. "Hanno fatto passare il denaro attraverso l'azienda legale, poi il presidente ha rimborsato", ha spiegato Giuliani a Fox News, aggiungendo: "Quel denaro fu pagato dal suo avvocato, nello stesso modo in cui avrei fatto io, da fondi della sua compagnia o altri fondi, non importa". E che furono a titolo di rimborso di quanto anticipato dal legale per un accordo di riservatezza con la pornostar Stormy Daniels.

Come questo: