Pubblicato: Lun, Aprile 23, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Juventus, Allegri: "Sfida con l'Inter decisiva, loro grande squadra. Non sarà semplice…"

Juventus, Allegri:

Una cosa è certa: questa sera si saprà se il duello scudetto è agli sgoccioli (se vince o pareggia la Juve) o se si infiammerà (se i tre punti li farà in Napoli). Ci sono meriti nel Napoli nell'aver riaperto lo scontro diretto, ma è stata una gara decisa dall'episodio. Abbiamo marcato male sull'angolo e preso gol. Noi dobbiamo fare il nostro dovere, vincere a Milano.

CON INTER DECISIVA - "Siamo ancora in testa al campionato, abbiamo due partite in casa e due fuori, ma quella decisiva sarà quella di Milano - prosegue Allegri -". Nel corso della partita di Crotone, delle avvisaglie c'erano state, ma ora dobbiamo smaltire l'amarezza in poco tempo e ripartire.

More news: Torino-Milan, Gattuso: "Problema attacco? È anche colpa mia"

Sereno e rassicurante finchè il discorso non si sposta sulla paventata superiorità schiacciante della Juventus rispetto al Napoli, discorso che accende il tecnico livornese: "Contano i punti in classifica, tanti parlano e io ascolto e mi diverto". A Napoli siamo stati più veloci nella consegna della palla tra le linee. In quel momento lì la partita dovevamo portarla in fondo, ma accettiamo la sconfitta. La cattiveria c'è, perché ci stiamo giocando lo scudetto. E aggiunge: "Devo vedere come sta Barzagli, Benatia ha giocato due partite, Howedes potrebbe essere una scelta". Abbiamo un punto in più, i risultati degli scontri diretti potevano essere anche inversi. "Hai quattro punti di vantaggio, doveva andare così".

Max Allegri prova a non perdere la calma analizzando la gara ai microfoni di 'Premium Sport': "È stata una partita bruttissima da parte di entrambe le squadre, praticamente senza tiri in porta". "Innanzitutto lasciandoli liberi un giorno e mezzo per recuperare". La formazione la deciderà "dopo l'allenamento di oggi e quello di domani - spiega - può darsi che gli attaccanti siano quattro, anche Cuadrado sta bene". "Vincere le partite non è semplice".

Come questo: