Pubblicato: Ven, Aprile 13, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Real-Juve, Andrea Pirlo: "Buffon ha esagerato, ma va capito"

Real-Juve, Andrea Pirlo:

E' stato lo stesso ex centrocampista bresciano a rivelarlo in occasione della presentazione de "La Notte del Maestro", ovvero la sua partita di addio al calcio giocato in programma a San Siro il prossimo 21 maggio. Dalle vittorie con il Milan al Mondiale del 2006, fino all'avventura alla Juventus. Tranne ieri, ieri sera nessuno ha osato scrivere. "E solo se mi propongono il progetto giusto". A Buffon ho scritto in privato: a lui e Agnelli. Sono stati anni indescrivibili, vincere così e per così tanti anni consecutivi è stato incredibili. Mi è dispiaciuto per la squadra e per Buffon. La Champions è così, non puoi permetterti di sbagliare una partita come ha fatto la Juventus. Lasciare i rossoneri è stato complicato, ma ad un certo punto devi trovare nuovi stimoli. Ho indossato le maglie dei tre più grandi club, compresa quella della mia città, sono soddisfatto così. "Non potevo chiedere di più". Il gol ad Atene sarebbe mio e non di Inzaghi? Lo scopo era quello di centrare una piscinetta gonfiabile dalla terrazza degli uffici di Sky. Rino sta facendo un lavoro ottimo. Insieme hanno condiviso anche i dolori di una sciagurata finale di Champions League persa dalla Juventus nel giugno del 2015 contro il Barcellona a margine di una partita in cui i bianconeri erano tornati sul pari dopo lo svantaggio iniziale, ma che avevano perso 3-1.

Infine qualche curiosità tra ex compagni ed avversari affrontati: "Il più forte tecnicamente Ronaldinho, l'avversario più forte Messi". Mi racconterei come un giocatore particolare, con grande visione di gioco, capace di far giocare bene la squadra, elegante: spero si ricordino in futuro di me.

More news: Calciomercato, la FIFA studia la rivoluzione: addio prestiti, squadre satellite e…

Un risultato quello dei giallorossi, che con l'impresa sfiorata dalla Juve, ha ridato lustro al nostro calcio, dopo la cocente delusione della mancata qualificazione al Mondiale: "Siamo abituati a far sì che gli altri siano sempre più bravi e noi meno bravi. Incarico alla Juventus? Sono aperto a tutto".

Come questo: