Pubblicato: Gio, Aprile 12, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Real Madrid-Juve, Agnelli: "Si colpiscono le italiane scientificamente!"

Real Madrid-Juve, Agnelli:

Penso al fallo su Cuadrado. "Un dirigente di questo tipo deve assumersi le proprie responsabilità contro le squadre italiane, guarda alla Roma, al Milan, a tutti gli episodi che arrivano contro di noi". "Abbiamo la tecnologia per rimediare a questi gravi errori, e va introdotta". Forse vogliono sembrare imparziali nei confronti di questa situazione.

Perché la Uefa non ha introdotto il Var: "Vanno istruiti gli arbitri di tutte le federazioni, è anche una questione di partite, dai turni preliminari fino alla fase finale". Bisogna andare ad istruire una classe arbitrale. Quando si hanno partite di una determinata importanza bisognerebbe istruire velocemente gli arbitri, eliminare gli assistenti e portare le persone dietro allo schermo. Bisogna avere delle dinamiche preparate, noi siamo stati preparati a giocare al Bernabeu. E' un infortunio e ci sta, sbagliano tutti e questo arbitro è andato in confusione, ha preso una decisione sbagliata e ne ha presa una seconda eccessiva.

Sul rosso a Buffon - "L'arbitro non ha saputo gestire la situazione".

Agnelli ha continuato a parlare della prestazione del direttore di gara: "Un momento di confusione totale inoltre c'è la consapevolezza dei ragazzi, si può perdere in casa tre a zero e vincere fuori tre a zero, non esistono difese che funzionano o no, ci sono cose che funzionano o meno, come la parata di Gigi su Isco, oggi l'arbitro non ha capito nulla".

More news: IPhone 8 e 8 Plus: arriva la colorazione Product(RED)

Le partite in Europa sono decise da episodi, perché siamo a livelli più alti. Lo fa il direttore Marotta, è una semplice cortesia.

Un freno a polemiche precedenti: "Quello di salutare l'arbitro prima e dopo la partita è un gesto che è sempre stato fatto, le precedenti parole di Pochettino sono nient'altro che leggende metropolitane". Piccoli segnali, arbitro giovane e Sergio Ramos nel tunnel? Sono tutti di qualità, ma capita un infortunio. Però continuo a insistere sull'introduzione della tecnologia.

"Sono diventato presidente della Juventus alla stessa età dell'arbitro, questa non può essere una discriminante - precisa Agnelli - Si tratta di un'arbitro di qualità come tutti quelli d'élite dell'UEFA ma ripeto: serve velocizzare il processo d'inserimento della tecnologia anche in Champions". "Voglio fare in bocca al lupo alla Roma e alla Lazio perché è importante che le nostre squadre vadano avanti in Europa", ha concluso il presidente bianconero.

Come questo: