Pubblicato: Gio, Aprile 12, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Mariah Carey: "Soffro di disturbo bipolare da molto tempo"

Mariah Carey:

La cantante ha svelato che nel 2001 le è stato diagnosticato un disturbo bipolare di tipo II.

Duecento milioni di album venduti, quasi 7 milioni di follower su Instagram, un successo senza fine e una bellezza che non sfiorisce: dall'esterno la vita di Mariah Carey appare perfetta, ma in realtà in tutti questi anni la popstar ha nascosto la sua battaglia contro un disturbo bipolare che l'ha portata al ricovero in una clinica specializzata e a isolarsi da tutti.

In quell'anno, la cantante venne ricoverata per un esaurimento fisico e mentale e, all'ospedale, le diagnosticarono il disordine bipolare: "Non ci volevo credere" ha confessato al caporedattore Jess Cagle.

"Soffro di disturbo bipolare da 17 anni". La cantante pensava di avere un semplice disturbo del sonno, causato dall'eccessivo lavoro. Ma non era normale insonnia. Ero irritabile e costantemente in preda alla paura di deludere le persone. Lavoravo, lavoravo e lavoravo...era una forma di mania.

More news: Roma-Barcellona, Manolas come Tardelli: l'urlo incredulo per il gol del 3-0

Fino a poco tempo fa vivevo nella negazione, nell'isolamento e nel timore costante di essere esposta. I miei episodi depressivi erano caratterizzati da un bassissimo livello di energia. Mi sentivo così sola e triste, anche colpevole di non fare ciò che andava fatto per la mia carriera. Ha dichiarato: "Ho chiesto e ottenuto di curarmi, mi sono circondata di persone positive e sono tornata a fare ciò che amo, scrivere canzoni e fare musica".

"Ora sto prendendo dei medicinali che sembrano funzionare".

Sebbene sia un disturbo difficile da affrontare, oggi Mariah Carey sta seguendo una terapia e i farmaci prescritti stanno funzionando bene, "non mi fanno sentire troppo stanca o pigra". Trovare il proprio equilibrio è la cosa più importante... Spero che cessino i pregiudizi che gravano sulle spalle di chi affronta tali malattie. "Ma mi rifiuto di lasciarmi definire o controllare dalla malattia".

Come questo: