Pubblicato: Mar, Aprile 10, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Massimo Giletti asfalta l'ex parlamentare Italo Bocchino

Massimo Giletti asfalta l'ex parlamentare Italo Bocchino

Giletti e Bocchino hanno dato vita ad un durissimo scontro nell'ultima puntata di Non è l'Arena.

Al centro della contesa c'era il tema (molto caro a Giletti, che spesso lo ha affrontati nei suoi programmi) dei vitalizi ai politici. "Vadano a chiedere agli altri che pigliavano i milioni di euro e si son fatti fare anche le società di produzione, tanto per essere chiari".

"Vorrei venire in trasmissione la prossima settimana con le mie buste paga, ma tu porti le tue di quando lavoravi in Rai e vediamo chi ha sperperato di più i soldi dei contribuenti". "I tuoi soldi sono diversi dai miei, io sono un professionista e non un politico".

More news: Napoli-Chievo, probabili formazioni: occasione per Chiriches e Diawara. Tanti dubbi per Maran

Ieri sera nella trasmissione di approfondimento politico di Massimo Giletti si disquisiva in merito ai vitalizi e agli stipendi strapagati dei parlamentari. Facendo uno storytelling societario, come si usa dire in questo periodo, Magnolia in questo momento fa parte del gruppo Zodiak che a sua volta si è fuso con il gruppo francese Banijay Group, che a sua volta ha una presenza societaria di Vivendi, la quale ha una quota di rilievo in Mediaset. "A differenza di altri conduttori Rai famosi io ho sempre dichiarato quanto guadagnavo pubblicamente". Massimo Giletti ha perso le staffe e ha sottolineato che il mestiere del politico e quello del presentatore tv non sono paragonabili ma posti su due piani diversi, sebbene entrambi retribuiti con denaro pubblico se il conduttore lavora in Rai.

"Guarda che io alla Rai ho reso molto ma molto di più" ha poi continuato, aggiungendo quello che è sembrato un piccato riferimento a Fabio Fazio "Venivo pagato dall'azienda pubblica, ma l'azienda pubblica nei miei programmi pigliava fior di milioni di euro di pubblicità".

Bocchino si è limitato ad ironizzare sulla veemenza de giornalista: "Hai la bava alla bocca, Massimo", gli ha detto.

Come questo: