Pubblicato: Mar, Aprile 10, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Fabrizio Corona, Don Mazzi esausto non lo vuole più

Fabrizio Corona, Don Mazzi esausto non lo vuole più

La decisione a sorpresa della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano ha stabilito che il denaro trovato in parte in Austria e in parte in un controsoffitto, era stato "lecitamente guadagnato".

Disposta, invece, la confisca della casa di via De Cristoforis che era stata sequestrata, perché quell'abitazione tra il 2008 e il 2009 sarebbe stata, secondo l'accusa, intestata fittiziamente a un collaboratore di Corona. Coglie così l'occasione per commentare alcuni dei personaggi che ha cercato di aiutare nella sua comunità. La somma sequestrata era in tutto di 2,6 milioni, trovati in parte nel controsoffitto dell'appartamento di una sua collaboratrice e in parte in una banca austriaca.

In un'intervista al Corriere della Sera il sacerdote non ha nascosto la sua delusione nel non essere stato in grado di aiutare Fabrizio nel suo percorso di recupero: "Fabrizio ero convinto di portarmelo a casa, ma si sente la divinità di se stesso". Lo stesso procuratore aggiunto Alessandra Dolci aveva chiesto la restituzione di quasi 1,9 milioni e la confisca della casa. E così il Tribunale ha deciso di restituire alla Atena srl di Corona quegli 843mila euro che vennero trovati in cassette di sicurezza austriache (in Austria è aperta un'indagine per riciclaggio), perché l'ex agente fotografico su quei soldi, guadagnati 'in nero', ha poi provveduto a pagare le imposte.

More news: Cura la madre dal cancro: bimbo dona i suoi risparmi al medico

È stata respinta, però, la richiesta di aggravamento della misura della sorveglianza speciale per l'ex "fotografo dei vip" in quanto non è stato ritenuto attualmente socialmente pericoloso.

Don Mazzi contro Fabrizio Corona: il fondatore di Exodus non lo vuole più nella sua comunità avendolo definito solo una perdita di tempo, al pari di Lele Mora. La valutazione di non pericolosità sociale potrebbe influire in modo favorevole anche sulla conferma dell'affidamento terapeutico, concesso a febbraio in una struttura di Limbiate per la disintossicazione psicologica dalla cocaina.

Come questo: