Pubblicato: Dom, Aprile 08, 2018
Medicina | Di Gottardo Magnano

Mattarella: la prossima settimana nuove consultazioni per governo

Mattarella: la prossima settimana nuove consultazioni per governo

Finché in Parlamento non esisterà una compagine politica con la maggioranza non sarà possibile creare un nuovo governo.

"Nessun partito e nessuno schieramento politico dispone dunque, da solo, dei voti necessari per formare un Governo e sostenerlo". "Un contratto di governo si può sottoscrivere o con la Lega o con il Pd". La situazione non si sblocca, ma gli schemi possibili ad oggi sembrano essere due: alleanza di governo M5s-Lega o M5s-Pd.

C'è anche chi, sui social, ha ironizzato sulla posa assunta dai membri del Pd nella loro camminata verso il Quirinale. La diretta sarà visibile sul sito del Quirinale e sulla pagina youtube della presidenza della Repubblica. In primo luogo con Di Maio. Altrimenti, lo sbocco delle urne potrebbe essere inevitabile: ma a chi gioverebbe? "Andiamo in Parlamento - ha concluso - se ci sono i numeri certi, altrimenti si torna al voto". Salvini ammette: "Situazione di stallo".

Salvini, dal canto suo, s'è invece dichiarato disposto a trattare con Di Maio.

"Speriamo di poter incontrare Lega e Pd per capire da che parte stanno", ha detto Luigi Di Maio.

More news: Catalogna, la procura tedesca chiede l'estradizione di Puigdemont

Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l'Unità Nazionale; questo ricopre un ruolo di controllo e di garanzia ed è per questo che è al di sopra delle parti politiche. Oh bella! Io mi sono laureato in Giurisprudenza con Gian Domenico Pisapia e a me risulta che la Cassazione si chiama appunto Cassazione perché le sue sentenze, sfavorevoli o favorevoli agli imputati, sono definitive. "Noi vogliamo dare un Governo stabile a questo Paese per i prossimi dieci anni". "Macron e Merkel hanno già fatto troppi danni". Tra le principali scadenze c'è quella del Def. La legge prevede che il Documento di economia e finanza sia presentato entro il 10 aprile. Ad andare al Colle saranno i capigruppo e Silvio Berlusconi. E lancia un attacco molto duro contro i 5Stelle. Ha anche posto il veto su governi fatti "di pauperismi, giustizialismi e populismi".

Il leader della Lega ha prospettato l'ipotesi di un governo del centrodestra con il coinvolgimento di Forza Italia. Farò trascorrere qualche giorno di riflessione, come mi è stato chiesto anche da diverse forze politiche.

I rappresentanti di Forza Italia hanno lasciato il Colle. Siamo al muro contro muro.

Si è cominciato con il Partito democratico, la cui delegazione era guidata da Maurizio Martina, che ieri sera ha annunciato la propria candidatura alla segreteria del Pd. "Dividerci è impossibile, i nostri parlamentari sono stati eletti dalla coalizione, è impossibile separare il centrodestra". E qui un nuovo attacco a Lega e 5Stelle, "sentiamo proposte pericolose" rispetto appunto al quadro economico.

Come questo: