Pubblicato: Mar, Aprile 03, 2018
Tecnologia | Di Ricario Cosma

Stazione spaziale cinese in arrivo sulla Terra: scende pericolo di frammenti

Stazione spaziale cinese in arrivo sulla Terra: scende pericolo di frammenti

Mentre l'immagine della stazione spaziale cinese ottenuta dal Fraunhofer Institute for High Frequency Physics and Radar Techniques (FHR) vicino a Bonn, in Germania sta facendo il giro del web, arrivano invece aggiornamenti in merito alle finestre di interesse per l'Italia.

La protezione civile ha diramato un codice di comportamento in caso quello 0,2% si verificasse. La probabilità di fare un 6 al superenalotto è addirittura di una su 622 milioni. Il Jspoc indica il Sud Atlantico come la zona più probabile del rientro, ma non esclude Sudamerica, Grecia, Turchia, Asia centrale e Cina. La notizia ha creato non pochi allarmisti, soprattutto legati al fatto che quello della stazione spaziale cinese sarà un rientro incontrollato, ovvero non sarà possibile eseguire manovre per guidare il rientro, e dal passaggio nell'atmosfera potrebbe verificarsi cadute di frammenti. Così il capo del Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli, al punto stampa convocato al Dipartimento con il direttore dell'ufficio Emergenze Luigi D'Angelo e i referenti dell'Asi. Escono dalle ipotesi di traiettoria Emilia Romagna e Liguria. Come ampiamente preannunciato, sono le regioni del centrosud quelle più in "pericolo", ma secondo alcuni ricercatori è altamente probabile che i frammenti della Stazione Spaziale cadano in mare.

More news: Clamoroso dalla Spagna, accordo tra Dybala e l'Atletico: i dettagli

La stazione spaziale cinese Tiangong 1 è rientrata sull'oceano Pacifico.

Il comitato tecnico scientifico sulla base degli ultimi dati forniti dall'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), ha escluso la possibilità che uno o più frammenti della stazione spaziale abbiano impattato sul territorio nazionale. Le regioni interessate sono la Toscana, il Lazio, le Marche, l'Abruzzo, l'Umbria, il Molise, la Campania, la Puglia, la Basilicata, la Calabria, la Sicilia e la Sardegna. A testimoniarlo sono le foto amatoriali che impazzano sui social.

Come questo: