Pubblicato: Gio, Marzo 29, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Addio a Fabrizio Frizzi, amico dell'Abruzzo

Addio a Fabrizio Frizzi, amico dell'Abruzzo

Amava il calcio, Fabrizio Frizzi, diviso fra due passioni, la Roma e il Bologna.

Lo scorso ottobre Frizzi si era sentito male durante la registrazione di una puntata de "L'Eredità". Ricoverato d'urgenza al Policlinico Umberto I di Roma, i medici avevano appurato che il conduttore era stato colpito da una ischemia. I funerali si terranno invece mercoledì 28 marzo alle ore 12 nella Chiesa degli Artisti a Piazza del Popolo. Tra i pochi a riuscire a parlare, Giancarlo Magalli, che ha ricordato con affetto fraterno l'amico di sempre, sottolineando quanto Fabrizio Frizzi fosse amato dal pubblico che ormai da anni lo considerava alla stregua di un famigliare. La Rai: 'Se ne va un uomo straordinario, grande artista e caro amico'. Inevitabilmente anche i palinsesti Rai sono stati modificati.

Frizzi ha esordito in Rai con la tv dei ragazzi con Il barattolo, una trasmissione andata in onda nel 1980.

Vastissimo il cordoglio sui social da parte dei suoi fan.

More news: Isola 2018: in studio Valeria Marini per raccontare la verità sui naufraghi

Se n'è andato un grande volto della televisione italiana. Un uomo sincero e un grande professionista di una umiltà disarmante. Ieri, nella puntata di Pomeriggio 5 interamente dedicata al conduttore scomparso, Barbara d'Urso ha ammesso di aver ricevuto un messaggio proprio da Rita nel quale le annunciava la tristissima notizia, usando parole molto forti. Entrava nelle nostre case con garbo e con il sorriso.

"Sono cresciuto a pane e Frizzi, tra 'Il barattolo' e 'Tandem'", - dice ancora Vincenzo - e non l'ho mai considerato un personaggio famoso, era uno di noi. "Un signore nell'animo una persona buona e gentile, mancherà tantissimo", sottolinea un altro utente. La moglie, uno scricciolo, era sempre con lui. Poi il saluto: "Ciao, 'ragazzo' sorridente e per bene".

Sarà compito dei molti colleghi portarne l'eredità - proprio come il programma da lui condotto - ai più piccini, a chi Fabrizio non lo conosceva. "Ora è la ricerca che mi sta aiutando".

Si fanno valutazioni importanti sul vivere i rapporti che contano, non disperdi più il tempo, si privilegiano le cose fondamentali. Dopo una breve visita ha lasciato l'ospedale, senza voler dare dichiarazioni che, ha spiegato, aveva già affidato ad una nota ufficiale.

Come questo: