Pubblicato: Dom, Marzo 11, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Kim Jong Un apre a Trump: incontro previsto a maggio

Kim Jong Un apre a Trump: incontro previsto a maggio

L'Europa chiede l'esenzione dai nuovi dazi annunciati dagli Stati Uniti su acciaio e alluminio, e assume una linea comune con il Giappone di netta critica della scelta di Donald Trump. Entro due settimane scattano le tariffe doganali aggiuntive, "necessarie e appropriate", ha ribadito Trump, "per proteggere la sicurezza nazionale".

Ma per ora, questo non si ripercuote sulle sanzioni che gli Usa hanno imposto alla Corea del Nord.

La volontà di un incontro tra i due leader è stata avanzata attraverso un messaggio verbale (nulla di scritto quindi) dello stesso dittatore. Le acciaierie del Dragone lavorano ovviamente in perdita ma il governo, violando una delle regole base dell'Organizzazione mondiale del commercio (Wto), alla quale appartiene, le mantiene in vita con generosi contributi pubblici (quasi 10 miliardi solo nel 2016), che distribuisce solo alle aziende amiche violando il principio della "concorrenza equa". E avverrà l'11 novembre, che negli Usa è il giorno dei veterani.

L'ipotetica tutela della sicurezza nazionale, infatti, non giustifica secondo Fanning una decisione che potrebbe avere effetti negativi notevoli sulla competitività del comparto.

D'altra parte, non è chiarissimo come funzioneranno questi dazi americani.

More news: Champions: Juve di rimonta, superato lo scoglio Tottenham si va ai quarti

E' intervenuta anche la Commissione europea che ha lanciato un duro monito. Non possiamo accettare che sia divisa in diverse categorie. "Siamo ottimisti come il presidente Trump in merito alla prosecuzione del processo diplomatico per verificare la possibilità di una soluzione pacifica" della crisi, ha detto l'inviato sudcoreano.

"L'Unione Europa - ha aggiunto Malmstroem - è comunque un progetto di pace". "Forse si tratta di una speranza vana, ma gli Usa sono pronti a spingersi con decisione in entrambe le direzioni", ha avvertito il presidente Usa. Davvero potremmo dover rinunciare a whiskey, burro d'arachidi e succo d'arancia americani?

La risposta a queste manovre da parte dell'Unione europea non si è fatta attendere: Cecilia Malmstrom, commissaria europea del commercio, scrive su Twitter: "Sugli annunci di stanotte -L'UE è un vicino alleato degli Stati Uniti e continueremo ad essere del pensiero che l'UE debba essere esclusa da queste misure". "Abbiamo amici e anche dei nemici che si sono approfittati enormemente di noi da anni su commercio e difesa".

(AdnKronos) - Una brusca inversione di tendenza si era pero' avvertita a gennaio 2018 con un calo dell'1,4% delle esportazioni italiane in Usa. Che, stando agli analisti e alla storia, non converrebbe a nessuno.

Come questo: