Pubblicato: Gio, Marzo 08, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Usa, nuovi dazi sull'import di acciaio e alluminio

Usa, nuovi dazi sull'import di acciaio e alluminio

Il capo dello staff della Casa Bianca John Kelly si è limitato a commentare che Cohn "ha prestato servizio per il suo paese con grande onore". Ma cosa succederà quindi con i dazi? Ma l'annuncio ha spinto Trump a una nuova minaccia, di tassare le auto provenienti dall'Ue, alimentando ulteriori timori dello scoppio di una guerra commerciale. I sostenitori della Brexit sperano che generando molti accordi di libero scambio, il Regno Unito verrà inondato di beni ancora più economici e (si presume) che i beni e i servizi del Regno Unito saranno in grado di penetrare nei mercati esteri a prezzi più elevati a causa di una qualità superiore.

"Non restiamo inattivi mentre vengono minacciati l'industria europea e il lavoro".

More news: Il derby di Suso: l'Inter e lo sgarro mancato al Milan

Nodo dello scontro la mossa protezionistica di Trump sui dazi.

Finora ci si è limitati a dichiarazioni non ufficiali, per quanto confermate più volte ma qualora dovessero entrare in vigore i dazi commerciali proposti dal Presidente degli Stati Uniti Donald Trump su acciaio e alluminio come anche sulle auto made in Ue, più di un analista si è detto sicuro del fatto che questo potrebbe diventare un vero e proprio cigno nero per le azioni Usa. Alla fine Cohn ha perso il braccio di ferro con i 'falchi' come il consigliere per le politiche commerciali di Trump, Peter Navarro. Per Sergio Marchionne, di Fca, l'aumento dei prezzi sulle macchine in America già si vede, e "una guerra commerciale con gli Usa all'Europa non conviene perché la perderebbe". Il presidente ha dichiarato che determinati contenuti presenti all'interno di una tipologia di prodotti può influire negativamente sulle menti dei più giovani. Trump, tuttavia, si è mostrato irremovibile, ribadendo la sua posizione nel corso di un incontro martedì alla Casa Bianca con il premier svedese Stefan Löfven. Nello stesso anno l'esportazione verso gli Stati Uniti di componentistica e ricambi motociclistici ha pesato per il 30,8% del totale: tradotto in valore, sono stati altri 140 milioni di euro.

Come questo: