Pubblicato: Mar, Marzo 06, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Fiorentina, le proposte dei tifosi per ricordare Astori

Fiorentina, le proposte dei tifosi per ricordare Astori

Udine. Il mondo del calcio è ancora sconvolto per la morte prematura del 31enne Davide Astori, capitano della Fiorentina trovato morto in albergo a Udine dove si trovava insieme con la squadra per disputare la partita contro la formazione friulana.

Astori calciatore era un professionista esemplare, uno di quelli meritevoli che tutti avrebbero voluto compagni di squadra, che non si risparmiava quando bisognava prendersi le responsabilità e si riteneva un "fortunato" nella vita per aver avuto la possibilità di svolgere una professione che lo legava al suo unico hobby: il calcio.

Era un campione, Davide Astori. Rinviate tutte le partite di Serie A e B previste domenica e lunedì.

La tragica scomparsa del capitano della Fiorentina, Davide Astori, ha scosso davvero tutti. Più complessa la decisione sul derby di Milano: in questo momento non sembra ancora possibile ipotizzare una data per il recupero di Milan-Inter, visti anche gli impegni incrociati con la Juventus in coppa Italia e dei bianconeri in Champions; per capirlo bisognerà seguire settimana dopo settimana i passi avanti dei rossoneri e della Juventus nelle due Coppe internazionali.

More news: MotoGp, Valentino Rossi apre al rinnovo: "Sì, correrò ancora 2 anni"

"In via ipotetica, con l'autopsia si potrebbero trovare delle spiegazioni, come una malformazione cerebrale o una malattia cardiaca rara non diagnosticabile - ha aggiunto il professor Galanti -". Una morte durante il sonno in un giovane è sicuramente una tragedia rarissima, ma non è da attribuirsi al mestiere di atleta.

Il Procuratore capo di Udine, Antonio De Nicolo, ha comunicato questa mattina gli sviluppi, annunciando l'apertura di un fascicolo con l'ipotesi di omicidio colposo, allo stato attuale a carico di ignoti. Doping? Non c'entra niente.

Don Gabbricci ha raccontato il suo stato d'animo in una intervista su Radio Toscana: "La prima cosa che voglio dire è un abbraccio a Francesca, alla piccola Vittoria, a tutta la famiglia di Davide e a tutta la famiglia della Fiorentina. Il livello di controllo in Italia ha raggiunto livelli elevatissimi e quindi questo sospetto non si pone neppure".

La notizia è stata data dalla società viola che, attraverso una nota, si è detta "profondamente sconvolta".

Come questo: