Pubblicato: Lun, Marzo 05, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

"La forma dell'acqua" di Vinicio del Toro miglior film


Lo straordinario evento cinematografico si svolgerà al Dolby Theatre di Los Angeles nella notte tra domenica 4 e lunedì 5 e, come l'anno scorso, verrà condotta da Jimmy Kimmel.

Questo non significa che capolavori come Biancaneve e i sette nani o Chi ha incastrato Roger Rabbit? venissero tagliati fuori dai riconoscimenti, ma a loro era riservato un premio speciale, fuori categoria. Le mise nere di protesta contro le molestie a Hollywood, che hanno caratterizzato i Golden Globe e i premi Bafta, sono state messe da parte.

Il maestro americano James Ivory conquista il suo primo Oscar per l'adattamento del romanzo di André Aciman di Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino. Nel cast anche Richard Jenkins e la sempre brava Ottavia Spencer, entrambi candidati come migliori attori non protagonisti.

Il premio per i migliori costumi è andato a Mark Bridges per Il filo nascosto, quello per il trucco a Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick per Lora più buia, mentre il miglior documentario è Icarus di Bryan Fogel e Dan Cogan. La statuetta è stata consegnata da Armie Hammer e Gal Gadot.

More news: BENATIA, Juve? Prima credevo vincesse per gli arbitri

Christopher Plummer ha stabilito un nuovo record.

La forma dell'acqua, che aveva ottenuto ben tredici nomination per questa edizione dei Premi Oscar, conclude la serata con quattro vittorie: quella al Miglior film, quella al Miglior regista, quella per la Miglior scenografia a Paul Austerberry, Jeff Melvin e Shane Vieau, e infine quella per la Miglior colonna sonora ad Alexander Desplat. Premio per la Miglior fotografia al film Blade Runner 2049. Appena il trio ha lasciato il palco sono apparis Gael Garcia Bernal con il chitarrista.

Miglior canzone a Remember me di Kristen Anderson-Lopez, Robert Lopez in Coco. Con pioggia di coriandoli finali. Get out - Scappa è stato premiato per la miglior sceneggiatura originale, mentre il cileno A fantastic woman è, secondo l'Academy, il miglior film straniero. È in quel momento che la sua natura transgender la metterà di fronte ai pregiudizi della società in cui vive.

Un Oscar anche a I, Tonya per l'interpretazione da non protagonista di Allison Janney in una serata che non vede film sconfitti malamente tornare a casa a mani vuote. E lei ha già fatto tutto e anche di più.

Come questo: