Published: Dom, Febbraio 18, 2018
Medicina | By Gottardo Magnano

Debutto in Europa League per il Napoli contro il Lipsia

Debutto in Europa League per il Napoli contro il Lipsia

NAPOLI Sarà pure un impiccio, ma nessuno del Napoli ha mai realmente deciso di snobbare il Lipsia e l'Europa League. Poulsen scatta sul filo del fuorigioco, si presenta a tu per tu con Reina ma, invece di calciare, offre a Bruma un pallone che chiede solo di essere spinto in rete per l'1-2. La sfortuna che ha colpito l'organico con troppi infortuni e un non-calciomercato - e qui si aprirebbe un lungo dibattito sulle scelte della società - hanno condizionato un ambiente che però ha avuto le idee chiare sin da settembre. E la squadra ha preso alla lettera l'allenatore, giocando male e meritando di perdere contro i tedeschi, secondi in Bundesliga ma certamente inferiori per organico e abitudine alla competizione.

Video Napoli Lipsia (risultato finale 1-3): highlights e gol della partita, sedicesimi di Europa League.

Ebbene, solo in 3 sono riuscite a raggiungere le semifinali, facendosi poi eliminare.

More news: Borussia Dortmund-Atalanta, Gasperini: "Meritiamo di essere qui"

Manifestazione come minimo snobbata, e praticamente da tutte. Il Napoli ha intenzione di affermarsi totalmente come "grande squadra", ma una grande squadra è pronta a lottare su ogni fronte. I numeri dicono che tutte (tranne un paio di eccezioni) hanno sempre preferito concentrarsi sul campionato. Pensare che fino a 10 anni fa giocare su campi come quello di Firenze, Roma, o anche sui campi delle provinciali era molto difficile, tanto da far accettare molto volentieri anche un pareggio, fa capire quanto è cambiato il calcio contemporaneo e quanto sarà sempre più difficile avere una serie A combattuta da molte squadre come succedeva una volta. E resta, quel gol, l'unico del Napoli.

Forze mentali rivolte allo scudetto: "Al campionato dovevamo pensarci da domani e stasera avremmo dovuto onorare la maglia del Napoli". Il vero problema è che il Napoli-2 è stato bocciato. Il Napoli gioca molto al di sotto dei suoi standard, il Lipsia aspetta con pazienza il momento per infliggere il colpo del k.o. E si potrebbe proseguire con esempi recenti e lontani di squadre che a un certo punto della stagione hanno scelto a quali competizioni dedicare più attenzione e concentrazione. Un Napoli che ha contenuto il passivo soltanto grazie alla serata prodigiosa del suo portiere Pepe Reina. E strilla che l'obiettivo primario non è la Champions, bensì il settimo scudetto. Completati i cambi con l'inserimento di Insigne e Mario Rui a sinistra e Allan a centrocampo, il castello di Sarri è caduto, proprio da quella parte.

Like this: