Published: Ven, Febbraio 09, 2018
Medicina | By Gottardo Magnano

YouPol: nuova app per segnalare bulli e spacciatori

YouPol: nuova app per segnalare bulli e spacciatori

Tra le opzioni, anche la possibilità di effettuare, pigiando un pulsante rosso, una chiamata d'emergenza alla sala operativa.

Semplice e intuitivo è anche il funzionamento, come spiega ancora il commissario capo: "YouPol si può scaricare sia da App Store che da Play Store, quindi è compatibile sia con IoS che con Android".

Polizia e cittadini collegati per mezzo di una applicazione, scaricabile su tutti i cellulari e i tablet e ideata con l'obiettivo di prevenire e fronteggiare la commissione di reati. Nel periodo di sperimentazione, nelle tre città principali interessate, sono stati circa 20mila i download effettuati e quasi 300 le segnalazioni giunte alle sale operative delle rispettive Questure. Sarà consentito pertanto denunciare all'autorità di polizia fatti di cui si è testimoni diretti (anche mediante foto o immagini acquisite sul proprio dispositivo) o notizie di cui si è appreso in forma mediata (link, pagine web, ricezione messaggi, informazioni orali).

More news: Serie A, Lazio: tensione tra Inzaghi e Felipe Anderson

Questo articolo ha ricevuto commenti! Il target di riferimento è ovviamente quello dei giovanissimi, più a loro agio con la tecnologia e invece spesso impacciati nel contatto con le Forze dell'ordine, in particolare per fenomeni relativi allo spaccio di sostanze stupefacenti e fenomeni di bullismo, due dei casi in cui la reticenza a segnalare i comportamenti alla Polizia è più diffusa. "Non si sostituisce il 113, prima cosa che il cittadino deve usare in caso di emergenza - ha precisato il questore - ma la app non esclude di agire immediatamente se c'è bisogno: è un canale in più rispetto a quelli su cui operiamo già tradizionalmente".

Grazie a YouPol sarà possibile inviare immagini e segnalazioni scritte alla sala operativa della Questura, scegliendo di rimanere anonimi o essere registrati.

Anche Torino entra nell'era della denuncia digitale, con un'applicazione per smartphone gestita dalla polizia.

Like this: